Venerdì, 21 Ottobre 2016 15:14

L’Italia e la demografia. La bomba al rallentatore che continua ad esplodere

Scritto da

Secondo i dati Istat relativi al primo semestre 2016 il driver della riduzione della popolazione in Italia sarà, per quest’anno, il crollo della natalità

Già da anni infatti il numero dei nuovi nati in Italia continua a ridursi e il record dell’anno con meno nuovi nati dall’unità d’Italia , risalente appena al 2015 con 485mila unità, potrebbe essere frantumato già quest’anno. In particolare nei primi sei mesi del 2015 erano venuti al mondo 236mila bebè, nei primi sei mesi del 2016 hanno invece visto la luce appena 221mila persone. La riduzione tra i due periodi è, per essere precisi, di 14.601 unità, pari a ben il 6,18 per cento.

Molto migliori, al capo opposto del ciclo vitale, i dati relativi al numero di decessi avvenuti nello stesso periodo del 2016, che fanno registrare quasi 315mila unità, con un calo decisamente consistente rispetto al precedente anno, anche in questo caso record. Nel primi sei mesi del 2015 erano infatti venute a mancare 339mila persone, e l’anno si era concluso con oltre 647mila decessi in totale. Il calo del numero dei decessi nei primi sei mesi è pari a quasi 25mila decessi in meno nel 2016 rispetto al 2015, pari ad una riduzione del 7,31 per cento.

Il saldo naturale che deriva da questi dati, cioè la differenza tra i morti ed i nuovi nati, nei primi sei mesi del 2016 continua quindi a descrivere un paese definibile ‘in via di estinzione’ con oltre 93mila cittadini in meno a giugno rispetto a gennaio.

Il flusso migratorio continua ad avere un saldo positivo sostenuto a più di 20mila unità, in decisissima accelerazione rispetto ai più 4.700 fatto segnare nei primi sei mesi del 2015  con un incremento in percentuale da lasciare a bocca aperta +324 per cento.

Nonostante il consistente flusso migratorio positivo il dato finale, cioè il numero dei residenti in Italia a giugno 2016 rispetto al 1 gennaio fa segnare un risultato foschissimo, con un meno 73.004 abitanti.

In sintesi, nei soli primi sei mesi del 2016 ci siamo persi per strada tutti gli abitanti di città capoluogo di provincia come Ragusa, Asti o Caserta, ciascuna delle quali ha, appunto, tra i 73mila ed i 76mila abitanti. In 180 giorni ogni appartamento, ogni strada, ogni negozio, ogni cortile di una ‘città virtuale’ grande quanto Ragusa, Asti o Caserta sono divenute deserte, abbandonate, vuote.

Siamo proprio sicuri di poter continuare così?

Amerigo Rivieccio

Laureato in Economia Aziendale ed abilitato all'esercizio della professione di Promotore finanziario; dal 2001 sono contabile alla Camera dei deputati. Prima di approdare a Montecitorio sono stato ragioniere:
alla Presidenza del Consiglio; al Comune di Napoli; in una cava di inerti.
Ma sono stato anche Funzionario dell'Unione europea e arbitro nazionale di pallacanestro.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]