Domenica, 04 Febbraio 2018 16:32

Quasi duecento ambientalisti uccisi nel 2017. Quattro ogni settimana.

Scritto da

Sono 197 i difensori dell'ambiente che sono stati uccisi lo scorso anno perché cercavano di proteggere la Terra o le risorse naturali della loro comunità. E molte migliaia quelli picchiati, criminalizzati, minacciati o molestati.  The Guardian, in collaborazione con Global Witness, ha cercato di registrare la morte di tutte persone uccise da qualche parte sul pianeta a causa del loro lavoro per l'ambiente.

Ovunque. Dalla spietata battaglia per la ricchezza naturale in Amazzonia agli attentati per fermare i ranger che proteggono le riserve naturali della Repubblica Democratica del Congo fino agli attivisti indigeni per i diritti alla Terra in Brasile.

I primi dati impressionanti (dopo il numero totale) sono che il bilancio è quadruplicato da quando è stato compilato per la prima volta, nel 2002. "La situazione rimane critica. Fino a quando le comunità non saranno davvero coinvolte nelle decisioni sull'uso della loro terra e delle risorse naturali, coloro che parleranno continueranno a subire vessazioni, incarcerazioni e minacce di omicidio ", ha dichiarato Ben Leather, senior campaigner di Global Witness.

Persone come Emilsen Manyoma e suo marito, Joe Javier Rodallega, che hanno perso la vita in due attacchi mortali, in Colombia, mentre cercavano e documentavano uccisioni e sparizioni forzate. L'America Latina rimane un posto molto pericoloso per chi cerca di proteggere l'ambiente: la difesa dei parchi nazionali continua ad essere uno dei lavori più pericolosi del mondo, con 21 morti registrati legati al bracconaggio.

E il Messico è diventato un posto molto pericoloso per coloro che combattono per proteggere la Terra, salendo al quarto posto (dal quattordicesimo) nella lista globale dei paesi più mortali per i difensori dell'ambiente. Isidro Balenegro Lopez, un attivista messicano vincitore del premio ambientale di Goldman, è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco. Perché? Perché aveva cercato di combattere il disboscamento illegale che minaccia le antiche foreste in una regione colpita da violenza, traffico di droga e corruzione. Con 15 uccisioni, il Messico è diventato uno dei paesi più micidiali per i difensori in America nel 2017.

In Asia, sono le Filippine, con 41 morti, il paese più pericoloso per i difensori. 

In Africa, la più grande minaccia è venuta dai bracconieri e dal commercio illegale di animali selvatici, è nella Repubblica Democratica del Congo e in Tanzania che gli ambientalisti corrono i maggiori pericoli:  l'anno scorso Wayne Lotter, un influente ambientalista, è stato assassinato dopo aver ricevuto minacce di morte.

E poi migliaia di persone picchiate, criminalizzate, minacciate o molestate solo per essersi erti a difensori della Terra. Recentemente, gli attivisti della foresta ecuadoriana Patricia Gualinga hanno lanciato pietre contro le sue finestre e hanno urlato minacce di morte contro di lei. 

Ma il numero di 197 potrebbe essere sottovalutato. Global Witness ritiene che molti altri omicidi non vengano denunciati.

Environmental Justice Atlas, finanziato dall'UE, ha identificato oltre 2.335 casi di casi legati a problemi per acqua, territorio, inquinamento o industrie estrattive, e i ricercatori dicono che il numero (e l'intensità delle minacce) stanno crescendo.

I gruppi sociali e le istituzioni internazionali stentano a mobilitarsi per tutelare i diritti ambientali e denunciare i crimini. Molti attivisti hanno portato le loro proteste per il clima globale anche all’interno delle Nazioni Unite. Il relatore speciale delle Nazioni Unite per i diritti umani e l'ambiente, John Knox, ha esortato i governi ad affrontare la cultura dell'impunità e ha affermato che i media hanno un ruolo importante nel promuovere la trasparenza.

Ma mentre alcune istituzioni internazionali sono disposte ad ascoltare, l'elenco di coloro che sono stati uccisi per l'ambiente e la destra civile continua a crescere e dimostra che i paesi del mondo sono ancora ben lontani dall’aver trovato una soluzione a questo problema.

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

Musica. Note fuori le righe

Pazzie d’amore

Nel 1978 Claudio Scimone e i Solisti veneti presentarono a Verona, in occasione del trecentenario della nascita di Antonio Vivaldi, l’Orlando Furioso con un cast eccezionale.Tre dischi che fecero storia...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077