Martedì, 03 Luglio 2018 11:15

La plastica: arte per i Beni Culturali

Scritto da

La plastica, uno dei flagelli del nostro tempo, merita di essere vista anche dall’altra parte della medaglia. Gli oggetti di plastica finalizzati al benessere dell’umanità sono innumerevoli, come pure i contenitori in plastica che, con il loro peso ridotto, ci consentono risparmi energetici non comuni.

Io qui vorrei però parlarvi della plastica come materiale dei Beni Culturali che giustifica l’esistenza di Musei dedicati alle opere d’arte in materiale plastico. Il PLART di Napoli è forse il più noto in Italia. La assoluta minore presenza della plastica come materiale dei BB.CC. rispetto a materiali metallici, lapide, cellulosici pone problemi per gli aspetti di protezione e conservazione finora relativamente meno studiati rispetto agli analoghi problemi degli altri tipi di materiale. 

Gli oggetti di plastica presenti in un Museo come il PLART, a costituire una collezione, obbligano il Museo stesso alla loro conservazione. Le plastiche apparentemente paiono deteriorarsi più rapidamente di altri materiali,ma questo processo  degradativo  dipende molto dalle condizioni di conservazione che possono rallentarlo fino a quasi fermarlo o,al contrario,accelerarlo. Tale processo,una volta avviato nella plastica, difficilmente si può arrestare o invertire,per cui lo scopo della conservazione  preventiva è  quello di guadagnare tempo di vita per l’oggetto da conservare. Ciò avviene rimuovendo o riducendo i fattori che invece accelerano  questo processo,quali luce,ossigeno,composti acidi,umidità,prodotti aggressivi.

Le plastiche più vulnerabili sono le cellulosiche,il PVC ed i poliuretani. Con riferimento ai reperti/oggetti presenti al PLART bisogna notare: polimeri cellulosici: le reazioni più dannose derivano dall’idrolisi e dall’ossidazione da parte di agenti chimici,in particolare di radicali liberi prodotti per fotocatalisi,con il rischio aggiuntivo che i prodotti di degradazione,se non rimossi,possano catalizzare il processo in atto accelerandolo:

PVC:  contiene generalmente dei plastificanti,i più comuni dei quali basati su esteri  ftalici,molto sensibili all’idrolisi,quando esposti ad ambienti acidi,uno dei quali è proprio l’acido cloridrico, prodotto della degradazione de PVC. Il processo inizia con la rottura di doppio legame cosicchè l’atomo di cloro attiguo diviene allilico,fortemente reattivo e,quindi,rilasciato:con tale meccanismo l’attacco procede..

Poliuretani:sono prodotti di un poliolo,basati su un poliestere o un polietere,con molti gruppi alcoolici;le reazioni più temute sono l’ossidazione,  che avviene già all’aria, e l’idrolisi a formare catene più corte e meno resistenti.

Anche il PMMA (perspex),la poliamide (nylon)il polisterene,la fenol-ed urea-formaldeide (bakelite)sono plastiche con marcati problemi  di stabilità e,quindi,con elevati rischi di degrado.

I  segnali di degrado possono essere odori (di aceto,di canfora,di acido),la corrosione di metalli che si trovano collocati accanto all’oggetto in plastica,la comparsa di alterazioni estetiche o meccaniche.L’osservazione pertanto può aiutare moltissimo nell’operazione di conservazione. Infatti ,sulla base di quanto ora detto,molte delle plastiche usate nei Beni Culturali presentano ,quando si degradano, segnali chiari e specifici. Così ad esempio il nitrato di cellulosa assume un aspetto zuccherino,l’acetato di cellulosa emette un odore di aceto e si frattura,il PVC scurisce e diviene appiccicoso,il poliuretano si frattura e delamina.

CONSERVAZIONE

La conservazione preventiva dei materiali plastici  prevede due approcci  diversi

-preventivo e passivo

-attivo.

Il primo si esplica con il controllo dell’ambiente.Al fine di preservare l’ambiente dalla presenza dei composti  più sopra indicati come pericolosi per la stabilità dei materiali plastici,una tecnica è affidata all’uso di assorbenti  capaci di rimuovere i composti acidi. In tal senso per molto tempo è stato usato il carbone attivo;oggi sono più impiegati le zeoliti drogate con ioni positivi in forma di setacci da 4 A° ed il gel di silice. La conservazione in  contenitori di polietilene ,adottata in passato, si è rivelata dannosa per la capacità del  polietilene  di assorbire gli ftalati, rimuovendoli dalla loro funzione di plastificanti. Un’altra azione utile  è cercare di abbassare la temperatura e l’umidità all’interno delle teche espositive del Museo. Valori consigliati ad agevoli da raggiungere 20°C e 40% UR.

Anche l’illuminazione deve essere controllata in quanto capace di innescare  reazioni di degradazione. Un valore ottimale di intensità è 50 lux,utilizzando led e con l’accorgimento di porre filtri alle finestre per eliminare la componente uv della luce solare e di eliminare qualsiasi fonte luminosa non necessaria.   Il controllo attivo si esercita con il pretrattamento degli oggetti da preservare.In tal senso non esistono protocolli standard,in quanto è sempre presente la possibilità che, per proteggere, si finisca invece per aumentare la probabilità di danno,come può avvenire con gel protettivi,con solventi,con trattamenti  termici,con  puliture meccaniche. In particolare i solventi  possono essere pericolosissimi, se non se ne conoscono gli effetti. Così  con  il polistirene sono da escludere dietiletere, cicloesano, cloroformio,tricloroetano,toluene,acetone;con il PVC  cicloesano ,etilacetato,tricloroetano;con il perspex alcooli,acetone,tetracloruro di carbonio,cloroformio;con il polietilene cloroformio,toluene,cicloesanone.

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077