Domenica, 06 Agosto 2017 11:28

Trento e la 'ndrangheta all'orizzonte

La Divisione investigativa antimafia ha ricevuto 903 segnalazioni sulla presenza della ndrangheta (a Trento e nella sua provincia). A denunciare quello che sta succedendo è stato Marco Galvagno, segretario comunale di Lona Lases, un comune in mezzo alle valli del Trentino. Poi, pochi mesi fa, è arrivata un’interpellanza parlamentare e la commissione parlamentare ha tenuto tre incontri nella città. Trento è una città nota in Italia per la qualità della vita.

Published in Il punto

CATANZARO - Nel corso della notte, oltre 500 tra agenti della Polizia di Stato appartenenti alle Squadre Mobile delle Questure di Catanzaro e Crotone, Carabinieri del ROS e del Reparto Operativo - Nucleo Investigativo di Catanzaro e Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria e della Compagnia di Crotone con il concorso dei rispetti Uffici e Comandi centrali, hanno tratto in arresto 68 persone, destinatarie di un provvedimento di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura di Catanzaro a carico di altrettante persone accusate di associazione di tipo mafioso, estorsione, porto e detenzione illegale di armi, intestazione fittizia di beni, malversazione ai danni dello stato, truffa aggravata, frode in pubbliche forniture e altri reati di natura fiscale, tutti aggravati dalla modalita' mafiose. 

Published in Cronaca

REGGIO CALABRIA  - Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza e del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata di Roma (S.C.I.C.O.) hanno eseguito, sotto la direzione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria, una misura di prevenzione sia personale (sorveglianza speciale di pubblica sicurezza) che patrimoniale, disposta dalla locale Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale, nei confronti di 11 persone, tra le quali sono annoverati alcuni soggetti gravemente indiziati di appartenere alle cosche di ‘ndrangheta “Morabito” ed “Aquino” ed imprenditori a queste contigui.  

Published in Brevissime
Venerdì, 31 Marzo 2017 14:56

La ‘ndrangheta al Nord”

ROMA - Quale è l’incidenza della criminalità mafiosa al Nord? Quali sono gli affari e soprattutto come si può uscire da questa morsa che condiziona pesantemente l’economia del nostro Paese?

Published in Fatti & Opinioni

REGGIO CALABRIA   - Santo Vottari, il boss latitante arrestato stamani dai carabinieri di Reggio Calabria, e' stato trovato nascosto in un bunker di piccole dimensioni realizzato all'interno di un altro bunker in un edificio a Benestare. Nello stesso edificio i carabinieri avevano gia' trovato quattro bunker.

Published in Cronaca

REGGIO CALABRIA - La Guardia di finanza di Reggio Calabria, coordinata dalla Procura della Repubblica, ha eseguito una misura di prevenzione patrimoniale che dispone il sequestro di una ditta individuale, 6 immobili, 3 auto e numerosi rapporti finanziari riconducibili a Giuseppe Stefano Tito Liuzzo e al suo nucleo familiare.

Published in Cronaca

Sono passati più di quattro mesi da quando alcune grosse inchieste si sono concluse – da Mamma Santissima a Regghion a Fata Morgana ad Alchimia a Sistema Reggio – concluse dai carabinieri del ROS per la procura della repubblica del capoluogo calabrese (guidata da Federico Cafiero De Raho) ed è arrivato oggi l’annuncio che si svolgerà presto un solo maxi-processo che vedrà imputati il senatore del Gal Antonio Caridi, il presidente della provincia di Forza Italia Raffa, l’ex sottosegretario Raffa (Alleanza Nazionale).

Published in Fatti & Opinioni

REGGIO CALABRIA - Franco Gaetano Caminiti, il testimone di giustizia da agosto senza piu' scorta, e' rimasto illeso dopo il tentativo di eliminarlo messo in atto da un commando a Pellaro giovedi' sera.

Published in Brevissime

VIBO VALENTINA - Sono tutti di Sant'Onofrio (Vv) i destinatari dei provvedimenti di fermo emessi dalla Dda  di Catanzaro contro il clan Bonavota in seguito a indagini condotte dal Reparto operativo dei Carabinieri del comando provinciale di Vibo Valentia ed eseguiti stamane.

Published in Cronaca

CATANZARO  - La Direzione investigativa antimafia di Catanzaro ha eseguito la confisca di beni per oltre 2 milioni di euro riconducibili agli imprenditori edili Davide Orlando e Robero Piacente, arrestati e condannati per associazione a delinquere di stampo mafioso nell'ambito dell'operazione denominata 'Piana'.

Published in Cronaca
Pagina 1 di 12

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208