Menu
Non siamo un popolo di evasori

Non siamo un popolo di evasori

I dati presentati quest’oggi dal prof. Giovannini ci autorizzano a...

Doit Festival. “Assolutamente deliziose”…  ed è vero

Doit Festival. “Assolutamente deliziose”… ed è vero

La storia squinternata di due cugine si trasforma in vicenda...

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

ROMA - Considerata una delle migliori commedie di Brecht, scritta...

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Riflessioni sul nuovo libro di Enrico Letta e sul futuro...

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

“La notte della Tosca” è una tragicommedia intelligente sulla precarietà...

Articolo Uno fra memoria e futuro

Articolo Uno fra memoria e futuro

Un Tempio di Adriano listato virtualmente a lutto, uno Speranza...

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

I trasferimenti multimiliardari di armi all’Arabia Saudita da parte di...

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

Giuseppe Tornatore, Paolo Sorrentino, Nicola Piovani, Ennio Morricone, Roberto Benigni...

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

ROMA - Il 25 marzo 2017 ricorre il 60° anniversario...

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

LONDRA  - Solo nella mattina e' tornata una relativa calma...

Prev Next

Il Papa contro le tratte di esseri: crimine vergognoso

Il Papa contro le tratte di esseri: crimine vergognoso

ROMA - "Occorre fare ogni sforzo per debellare questo crimine vergognoso e intollerabile". È l'appello del Papa contro la tratta, nella Giornata di preghiera e riflessione che si celebra oggi, dedicata quest'anno in particolare a bambini e adolescenti.

"Incoraggio tutti coloro che in vari modi aiutano i minori schiavizzati e abusati a liberarsi da tale oppressione", le parole pronunciate da Francesco dopo i saluti nelle varie lingue. "Auspico che quanti hanno responsabilita' di governo combattano con decisione questa piaga, dando voce ai nostri fratelli piu' piccoli, umiliati nella loro dignita'", l'appello del Papa, salutato da un fragoroso applauso della folla presente in Aula Paolo VI. Prima di salutare i fedeli di lingua italiana, Francesco e' tornato sul tema della tratta, parlando a braccio: "Torno alla giornata di preghiera e di riflessione che si celebra oggi perche' oggi e' la festa di santa Giuseppina Bakhita", ha detto facendo vedere ai fedeli un'immagine della santa. "Questa ragazza - ha proseguito - e' stata schiavizzata in Africa, sfruttata, umiliata, ma non ha perso la speranza. Porto' avanti la fede e fini' per arrivare come migrante in Europa, e li' segui' la chiamata del Signore e si fece suora". "Preghiamo per tutti i migranti, i rifugiati, gli sfruttati", l'invito del Papa. "Vorrei pregare con voi oggi in modo speciale per i nostri fratelli e sorelle rohingya - la richiesta di Francesco - cacciati via dal Myanmar, che vanno da una parte all'altra perche' nessuno li vuole. È gente buona, pacifica: sono buoni, sono fratelli e sorelle! È da anni che soffrono: sono stati torturati, uccisi, semplicemente per portare avanti la loro tradizione, la loro fede musulmana". Poi l'esortazione a "pregare per loro, per i nostri fratelli rohingya" il Padre Nostro, salutata da un applauso dei fedeli. Infine, la preghiera per Santa Giuseppina Bakhita, per la quale il Papa ha chiesto "un applauso", immediatamente ricambiato.

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208