Lunedì, 30 Luglio 2012 11:38

'Cricket violento', botte da orbi a Villa Pamphili

Scritto da

Una rissa forse provocata da una giocata irregolare durante una partita di cricket ieri a Villa Pamphili, a Roma, ha portato la polizia a denunciare 6 persone, tra indiani e cittadini dello Sri Lanka. A fronteggiarsi due gruppi di immigrati, segnalati da numerose chiamate al 113 di frequentatori del parco che avevano visto i giocatori darsele di santa ragione. Dopo pochi minuti gli agenti del Commissariato Monteverde e Trastevere hanno raggiunto Villa Pamphili e dopo aver acquisito informazioni dai numerosi testimoni si sono messi alla ricerca delle persone che avevano partecipato poco prima alla rissa. Al termine di una battuta all'interno del parco i poliziotti hanno individuato un gruppo di persone corrispondenti alle descrizioni vicino all'uscita di via Aurelia Antica e le hanno bloccate. Alcuni di loro presentavano evidenti segni della rissa, tanto da dover ricorrere alle cure del 118.

Sei uomini, di eta' compresa tra i 30 ed i 40 anni, sono stati accompagnati negli uffici del commissariato Monteverde, diretto da Mario Viola e, una volta accertate le loro responsabilita', sono stati denunciati per rissa aggravata. Gli agenti hanno recuperato e sequestrato una mazza da cricket con il manico spezzato, utilizzata da uno dei responsabili per picchiare.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]