Martedì, 04 Febbraio 2014 15:23

Inchiesta rifiuti. Confermati arresti domiciliari per i due ex dirigenti della Regione Lazio

Scritto da

ROMA - Il Tribunale del riesame ha respinto la richiesta di libertà per  Luca Fegatelli, già dirigente dell'Area Rifiuti della Regione Lazio, e Raniero De Filippis, responsabile del Dipartimento del territorio della Regione Lazio, che rimarranno agli arresti domiciliari. 

Viene quindi confermata la misura cautelare emessa il nove gennaio scorso dal gip Massimo Battistini nei confronti, non solo dei due ex dirigenti regionali, ma anche del patron di Malagrotta Manlio Cerroni, dell'ex governatore del Lazio Bruno Landi, di Giuseppe Sicignano, già supervisore delle attività operative condotte presso gli impianti di Cecchina, e di Francesco Rando, amministratore unico di molte imprese riconducibili a Cerroni. 

La Procura aveva dato parere negativo alle istanze dei legali dei due indagati che il 16 gennaio si erano avvalsi della facoltà di non rispondere al gip durante l'interrogatorio di garanzia.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]