Venerdì, 21 Febbraio 2014 18:10

Campidoglio: Il "piano Cattoi" non va, nidi e scuole dell'infanzia a rischio collasso

Scritto da

Cgil- Cisl-Uil chiedono una immediata convocazione e annunciano una durissima vertenza

Durissimo attacco dei sindacati della Funzione pubblica, Cgil, Cisl, Uil all’assessore Cattoi che ha riunito la Commissione consigliare sulle problematiche del settore educativo-scolastico. Il ”piano Cattoi” sui nidi non va, le scuole dell’infanzia rischiano il collasso.Questa in sintesi la posizione dei sindacati, più di u na critica una vera e propria accusa.

“Abbiamo stigmatizzato l’inaccettabile elusione delle relazioni sindacali- affermano in  una nota congiunta- Moscovini  ( Fp Cgil), Cosentino ( Cisl Fp), Calcagni (Uil Fpl)- e le dichiarazioni di un assessore alle scuole che, se fosse confermato il progetto presentato nella stesura diffusa all’interno dell’amministrazione, e mai condivisa con le organizzazioni sindacali, determinerebbe penalizzazioni dei servizi per la cittadinanza, oltre che per le lavoratrici stesse. “

Poi il quadro che  si prefigura: “I cittadini rischiano una stagione nera: apertura posticipata e chiusura anticipata dei nidi, perdita delle figure di riferimento- affermano i sindacati- sono solo alcuni dei tagli orizzontali proposti dalla Cattoi. Inoltre la volontà di prendere decisioni senza condividerle potrebbe causare una mobilità coatta del personale docente, a scapito della didattica e pedagogia.”  La “ requisitoria” sindacale prosegue con toni molto aspri: “Basta con gli spot politici, basta con il taglio di nastro per varare navi senza remi, e' ora di dare risposte serie ai lavoratori ed ai cittadini, occorre garantire il corretto rapporto docente-bambino,oggi disatteso oltre ogni tollerabilità prevista dalle norme. L' assemblea di 2000 lavoratori ha con evidenza scatenato l'arroganza di una miope Amministrazione, che al documento approvato dai lavoratori in assemblea risponde con un progetto unilaterale per una nuova organizzazione degli asili nido.”

Una Amministrazione miope presenta un progetto che affonda le scuole del’infanzia

Lo scenario sopra descritto , dicono i sindacati, non è “utopico,” il  peggioramento dei servizi e delle condizioni di lavoro delle docenti non è “utopistico”, inoltre- affermano- “il personale precario potrebbe essere privato di un’occasione di parziale stabilizzazione”. “I primi a pagare il conto- conclude la nota sindacale- saranno proprio i bambini e le loro famiglie. Se non arriverà una immediata convocazione sui problemi del settore siamo pronti ad aprire una fortissima vertenza sindacale e anche di natura legale...ed intanto il concorso per l'assunzione delle insegnanti è fermo e le supplenze continuano a mancare. Cgil-Cisl-Uil vogliono confrontarsi per ampliare l’offerta dei servizi all’infanzia, ma non permetteranno ridimensionamenti dei livelli di qualità pedagogico-educativa e sicurezza, messi a dura prova negli ultimi tempi. 

La nave delle scuole infanzia e degli asili nido priva di un progetto politico di rilancio e di investimento sta drammaticamente affondando...ricordiamoci che i passeggeri principali di quella nave sono le bambine ed i bambini di Roma Capitale.”

Correlati

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

C’è sempre un Simenon in libreria

C’è sempre un Simenon in libreria

Vai dal tuo libraio e ti senti chiedere: “Hai visto il nuovo Simenon?”  e ti mette in mano La fattoria del coupe de vague, un Simenon d’annata che Adelphi pubblica...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

“Reimagine”, breve film sull’importanza vitale della ricerca scientifica

“Reimagine”, breve film sull’importanza vitale della ricerca scientifica

L’emergenza Covid ha reso ancor più evidente di quanto non fosse sempre stato l’importanza della ricerca farmaceutica. Novartis, impegnata a scoprire nuovi farmaci è tra le prime aziende al mondo...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]