Martedì, 25 Marzo 2014 21:30

Atac. A rischio sicurezza Lavoratori front-line. La protesta dei sindacati

Scritto da

ROMA - "L'aggressione subita da un operatore della stazione metro di Piramide nella serata di venerdì scorso ripropone drammaticamente il problema della sicurezza delle lavoratrici e lavoratori che svolgono in Atac attività di front-line".

Così, in una nota, Marco Capparelli, Gianluca Donati, Simona Rossitto e Valentina Iori, segretari di Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti e Ugl Fna di Roma e del Lazio. "A causa di scelte aziendali quantomeno opinabili - aggiungono - si è aggravato, negli ultimi anni, il rischio per i dipendenti che si trovano ad operare in luoghi isolati o in situazioni particolarmente difficili. Il personale di stazione, in particolare, è stato abbandonato completamente a se stesso. C'è stato un notevole ridimensionamento della vigilanza nelle stazioni della metropolitana senza contestuali investimenti di risorse nella sicurezza o nella riorganizzazione del lavoro almeno nelle stazioni “a rischio”, in un contesto che registra escandescenze quotidiane dei clienti alle prese con i disservizi e un continuo aumento delle aggressioni".

"A fronte dei molti articoli apparsi sulla stampa, che in alcuni casi riprendono i tuwit dell’utenza contro l’immagine e l’operato del personale di front-line, contribuendo ad alimentare un’assurda insofferenza nei confronti di chi indossa la divisa Atac - proseguono - non si ha notizia di alcuna comunicazione aziendale a tutela e salvaguarda dei propri dipendenti. Anzi: Atac continua a incoraggiare le segnalazioni tramite i social network, scaricando sulle lavoratrici e lavoratori il penoso stato del servizio offerto. Sicuramente, dopo il cambio di guardia al Campidoglio e i buoni propositi annunciati dalla nuova giunta, ciò che questa classe dirigente e la proprietà offrono alle lavoratrici e ai lavoratori e alla cittadinanza non sembra ispirato né alla razionalizzazione della spesa né alla giustizia né alla meritocrazia. Il taglio al numero dei dirigenti, ai super minimi e ai vari privilegi resta lettera morta e l'unico taglio davvero effettuato ha riguardato la sicurezza. Questo non è tollerabile". "Sin d'ora - concludono - ci attiveremo per richiamare l'attenzione dell’azienda e della proprietà sulla gravità della situazione anche in vista dello sciopero di 24 ore del 7 aprile, proclamato per rivendicare una riorganizzazione e un rilancio del trasporto pubblico e privato a Roma e nel Lazio".

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]