Domenica, 25 Maggio 2014 20:20

Le donne della Cgil al sindaco Marino: no quartieri a luci rosse

Scritto da

ROMA - Il Coordinamento donne della Cgil di Roma e del Lazio interviene nel dibattito che si è aperto in seguito alle dichiarazioni del sindaco Marino su una eventuale creazione nella capitale  di quartieri a luce rossa. Il no della Cgil è fermo e argomentato.

"Leggiamo con un certo stupore le dichiarazioni del sindaco Marino –afferma il  comunicato del sindacato-. la cosiddetta zonizzazione della prostituzione è una proposta non nuova, in realtà, anzi periodicamente ricorrente in un dibattito spesso stucchevole che vede la prostituzione essenzialmente come tema di ordine pubblico e di decoro urbano: basta allontanare dagli occhi uno spettacolo poco edificante, nascondere la polvere sotto il tappeto per risolvere la questione.

“In realtà bisognerebbe interrogarsi sul fenomeno nella sua complessità prosegue la nota- con la consapevolezza che la prostituzione è una delle forme più evidenti di sfruttamento e mercificazione delle donne, espressione del rapporto tra donna oggetto e uomo compratore e quindi di una modalità inaccettabile di relazione tra i sessi.Ma su questo è probabilmente più difficile e scomodo intervenire, non a caso i clienti sono i grandi assenti nel dibattito pubblico, si preferisce parlare solo delle prostitute e della loro visbilità o meno, dell'impatto, certo non gradevole, rispetto al territorio, ignorando la necessità di agire sul piano culturale, analogamente a quanto avviene nel contrasto alla violenza sulle donne. E non possiamo dimenticare che, molto spesso, la prostituzione è legata a forme di violenza, di sfruttamento e a volte persino della deprivazione della libertà personale ( tratta) rispetto ai quali è indispensabile un maggior impegno delle istituzioni, a partire dal rifinanziamento del progetto Roxanne mirato appunto alle vittime della tratta. “

“Non può essere il dove-conclude la nota- la risposta a un tema così complesso e delicato che chiama in causa la libertà e la dignità delle donne: i quartieri a luci rosse si tradurrebbero in una forma da un lato di ghettizzazione delle prostitute e dall'altro di legittimazione implicita di uno sfruttamento e di una modalità dei rapporti umani inaccettabile.

Crediamo che altri siano gli interventi davvero urgenti e indispensabili per migliorare la vivibilità della nostra città: dai servizi sociali, alla mobilità, all'occupazione da tempo chiediamo, anche come donne, un cambio di passo rispetto alle politiche fin qui realizzate".

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]