Martedì, 09 Dicembre 2014 10:46

Roma. Quattro lavoratori su tetto Policlinico Tor Vergata. "No ai licenziamenti"

Scritto da

ROMA  - Quattro lavoratori, dipendenti di imprese che svolgono servizi in appalto per il policlinico di Tor Vergata, sono saliti questa mattina a Roma sul tetto dell'ospedale per protestare contro la perdita del posto di lavoro.

"La direttiva della Regione Lazio che impone tagli del 15% circa su tutti gli appalti per i servizi infermieristici, di ausiliariato, oss, pulizie e sanificazione- scrive l'Usb in una nota - rischia di determinare il licenziamento di decine di lavoratori solo a Tor Vergata o, in alternativa, forti tagli ai già magri redditi insieme all'aumento dei carichi di lavoro". I quattro lavoratori sul tetto sono oss e ausiliari, "da anni - dice il comunicato - impegnati fianco a fianco con gli interni del policlinico, da cui hanno ricevuto solidarietà". Dopo una battaglia intrapresa col sostegno dell'Usb, che sin dal settembre scorso ha visto un presidio permanente sotto la Direzione Generale dell'ospedale, flash mob e manifestazioni, "i lavoratori chiedono ora l'intervento diretto del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti". 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]