Martedì, 15 Dicembre 2015 15:28

Al grido di Allah è grande si scagliano contro i militari a Roma

Scritto da

ROMA - Pronunciando frasi offensive e inneggiando ad Allah, due stranieri hanno tentato di aggredire i militari in servizio di vigilanza davanti alla Basilica di Santa Maria Maggiore e di impossessarsi delle armi in loro dotazione.

F.A. e D.E., un palestinese ed un tunisino senza fissa dimora, rispettivamente di 40 e 30 anni, hanno insultato e minacciato piu' volte, verbalmente e fisicamente, anche gli agenti della Polizia di Stato intervenuti su posto e sono stati arrestati con le accuse di resistenza e minacce a pubblico ufficiale e istigazione a delinquere con finalita' di terrorismo. Espulsi dallo Stato italiano, sono stati condotti in un centro di accoglienza di Bari in attesa di essere rimpatriati. 

Nell'ultimo fine settimana i controlli del territorio disposti dalla questura, senza trascurare le periferie, hanno riguardato in particolar modo gli itinerari degli eventi giubilari. Ed e' stato proprio nell'ambito di tale attivita' che una pattuglia della Polizia di Stato, in servizio nell'area di Santa Maria Maggiore, e' intervenuta bloccando gli aggressori. I due, anche una volta accompagnati negli uffici del Commissariato Viminale, hanno mantenuto lo stesso comportamento, gridando frasi in arabo e in italiano contro gli Stati europei e le forze dell'ordine. Dalle prime verifiche degli investigatori, e' emerso che il palestinese e il tunisino, destinatari di diversi provvedimenti di espulsione, non avevano mai lasciato il Paese. Ai due e' stata contestata anche l'istigazione a delinquere con finalita' di terrorismo perche', nel tentativo di sottrarsi all'arresto, hanno cercato di coinvolgere e far intervenire in loro aiuto altri stranieri presenti nelle vicinanze della Basilica. Altri stranieri che pero' non solo non hanno raccolto l'invito ma al contrario si sono allontanati rapidamente.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]