Venerdì, 08 Gennaio 2016 19:59

Assenteismo: guai per i dipendenti del museo

Scritto da

ROMA -  "I fatti emersi dalle indagini sui casi di assenteismo al Museo nazionale di Arti e tradizioni popolari, sono gravi e gettano discredito su tutto il lavoro pubblico".

E' questo il commento della Cgil dopo aver appreso che nove dipendenti pubblici timbravano il cartellino senza praticamente fare il turno di lavoro. "Furbetti",  smascherati dai carabinieri del Comando Provinciale di Roma . Ora il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ha avviato un procedimento disciplinare nei confronti dei nove  coinvolti nell'indagine "Museum" coordinata dalla Procura di Roma e condotta dal Nucleo Operativo di Roma EUR del Comando Provinciale di Roma dell'Arma dei Carabinieri.

Il procedimento disciplinare potrà portare, a seconda della gravità dei fatti accertati commessi, dalla sospensione dello stipendio fino alla messa in mobilità e al successivo licenziamento del dipendente. Il ministero ha inoltre chiesto al direttore del museo una relazione dettagliata sul caso e ha avviato una indagine

amministrativa. Così si legge in una nota del MiBACT .  

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]