Giovedì, 16 Febbraio 2017 10:24

Ignazio Marino: il nostro progetto dello stadio era rigoroso

Scritto da

ROMA - "L'amministrazione Raggi ha davanti un bivio: o porta avanti il progetto originario" del cosiddetto stadio della Roma a Tor di Valle "con il massimo rigore e serietà nel presidiare il pubblico interesse pretesto dalla mia Giunta o, se decide dicambiarlo, deve illustrare quali sono gli ulteriori vantaggi pubblici e concreti per la vita dei cittadini del nuovo indirizzo".

Lo scrive il predecessore di Virginia Raggi (M5S) al Campidoglio, Ignazio Marino (Pd), che, in una lettera a "Repubblica", puntualizza che, quando era sindaco di Roma, l'assemblea capitolina votò, il 22 dicembre 2014, una delibera che prevedeva una serie di "opere connesse all'impianto sportivo e utili alla qualità della vita delle romane e dei romani". In particolare, venne previsto "il potenziamento del trasporto pubblico su ferro a servizio dell'area di Tor di Valle e della città", "l'adeguamento di via Ostiense/via del Mare", "il collegamento con l'autostrada Roma Fiumicino attraverso un nuovo ponte sul Tevere", "l'intervento di mitigazione del rischio idraulico e di messa in sicurezza dell'area". La delibera, precisa ancora Marino, specificava che se fosse venuto a mancare "una sola di queste opere di interesse pubblico", si sarebbe dovuto "riscrivere una nuova delibera. E' questo lo stallo in cui si è impantanato lo stadio". "A Roma - afferma l'ex sindaco - non c'è uno scontro tra voraci palazzinari e queli che invece vogliono tagliare le unghie alla speculazione immobiliare. Sembra esserci più che altro un gioco, tra chi non vuole, avendo sbagliato percorso, perdere la faccia e chi, il proponente privato, chiede semplicemetnte certezze". 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: m[email protected]