Mercoledì, 22 Febbraio 2012 14:20

Lettera all’Onorevole Storace: "Ripulisca Roma dai suoi manifesti"

Scritto da

L’A.E.C.I., associazione europea consumatori indipendenti si scaglia contro l’usanza tutta italiana di invadere ogni spazio pubblico con cartelli politici



ROMA - Ci risiamo ancora una volta con l’affissione selvaggia di manifesti e striscioni. Stavolta tocca all’Onorevole Francesco Storace che ha praticamente invaso Roma di cartelli con la scritta “AMO ROMA E TI ASPETTO AL CORTEO DEL 3 MARZO”, facendoli affiggere ovunque: cabine elettriche, cabine del gas, paline delle fermate autobus, muri della metropolitana, ogni spazio libero è stato ben utilizzato.

 

Per fortuna, nel silenzio generale, esistono realtà come A.E.C.I. Lazio (Associazione Europea Consumatori Indipendenti) che si è opposta a tale barbara pratica indirizzando una lettera aperta all’onorevole di cui riportiamo il testo fedelmente qui di seguito:
“Caro Onorevole Storace, CHI AMA ROMA NON LA SPORCA. E, soprattutto, non dovrebbe farlo un politico, che ha scelto di occuparsi della Cosa Pubblica. Roma merita AMORE. Roma merita RISPETTO. Roma è il BIGLIETTO DA VISITA dell’Italia che si mostra al mondo. E, oggi, Roma si presenta come con una Città sporca, piena di manifesti selvaggi, di buche, di macchine parcheggiate in terza fila. La colpa di tutto ciò non è solo sua, Onorevole Storace, la colpa è dell’Amministrazione che permette questi atti di vandalismo, è di tutti gli Onorevoli Consiglieri comunali che oggi e sino ad oggi hanno occupato gli scranni del Campidoglio, la colpa è dei politici che, quando devono comunicare il loro pensiero, non guardano e non si interessano a come questo sarà trasmesso. Eppure, Onorevole Storace, il suo passato ed esperienza da giornalista e comunicatore all’interno di Uffici Stampa prima, sino agli incarichi istituzionali di Governatore della Regione Lazio poi e, addirittura, Ministro della Salute e Senatore della Repubblica, dovrebbero quantomeno averla reso sensibile e attento alle tematiche ambientali e civili. Eppure, Onorevole Storace, è recidivo nel suo agire: ricordiamo la campagna di comunicazione per la manifestazione del 4 febbraio 2012. Roma fu invasa con selvaggia affissione da cartelli ovunque e manifesti 6x3 su pareti e muri della metropolitana. Anche lì, alla conquista di ogni centimetro di spazio disponibile e della vetrina migliore.


E ora, per la manifestazione del 3 marzo, ritorna all’attacco, o meglio all’attacchinaggio. Chi ama Roma la difende. Chi ama Roma la rispetta e fa sì che tutti la rispettino. Chi ama Roma la amministra con il cuore. Chi ama Roma la rende un città migliore. Chi ama Roma non la sporca, semmai la pulisce. Come può amare Roma una persona che la sporca ? Come può amare Roma un politico che non la rispetta ?Come può un amministratore che sporca Roma renderla una città migliore ??? Le cose sono due:

- o lei ha autorizzato la selvaggia affissione e dimostra con i fatti di non amare, né rispettare Roma;

- o, se l’affissione è stata fatta a sua insaputa, lei non è in grado di amministrare e governare il suo Partito e ricoprire incarichi istituzionali.

In entrambi i casi, ci aspettiamo da lei, Onorevole Storace, un’assunzione di responsabilità nei confronti dei romani, dei cittadini che a Roma vivono, dei turisti e delle persone che a Roma vogliono respirare cultura e civiltà. A.E.C.I. Lazio le chiede una campagna politica attiva per il rispetto della città da parte dei Partiti e una campagna di pulizia urbana, magari proprio a partire dai volontari del suo partito che con “tanto amore” e zelo hanno contribuito a sporcare la Città Eterna. Aspettiamo una risposta ai nostri interrogativi e ci auguriamo di rivedere presto pareti, paline, cabine elettriche ripulite da tanto scempio. E saremo i primi a renderle merito. Cordialmente, A.E.C.I. Lazio” Certamente La Destra di Storace non è né il primo partito che opera “attacchinaggio selvaggio”, né sarà l’ultimo. Ma pensiamo fortemente che non dobbiamo abituarci all’inciviltà e che dobbiamo attivarci e pretendere che chi ci governa ci aiuti a vivere una Città migliore e sia davvero innamorato di Roma e del nostro Paese”.  Un lettera coraggiosa che spinge a riflettere non solo sul problema dell’invasione di spazi pubblici da parte di manifesti politici o pubblicitari, ma anche sul costo necessario per rimuoverli che, ovviamente, viene sempre scaricato sulla collettività. Come ci indigniamo per la nostra usanza incivile di imbrattare mura di palazzi, anche storici, con scritte e disegni con lo spray di dubbio gusto, dobbiamo indignarci e opporci anche a questa modalità tutta italiana di condurre campagne politiche martellanti, attaccando cartelli in ogni spazio libero.E’ una questione di rispetto e di attenzione a qualcosa che appartiene a tutti: la cosa pubblica.

Per ogni informazione:
A.E.C.I. | ASSOCIAZIONE EUROPEA CONSUMATORI INDIPENDENTI UFFICIO STAMPA NAZIONALE A.E.C.I. RESPONSABILE: IVAN MARINELLI
mobile: 380 374 37 61  Tel: 06 45 10 914 | Cell 380 374 3761 |
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   www.euroconsumatori.eu

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Vaccini Genetici: Una tecnologia da tenere d'occhio

La rivista di divulgazione "Scientific American" ha incluso i vaccini genetici nelle "Dieci tecnologie da tenere d'occhio". La ricerca di nuove strategie di vaccinazione deve tenere in considerazione non solo l'efficacia...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]