Domenica, 26 Febbraio 2012 14:24

Il Lazio contro la tratta e lo sfruttamento lavorativo e sessuale

Scritto da

ROMA - La Giunta Polverini in prima linea contro la violenza sulle donne, la tratta, lo sfruttamento lavorativo e sessuale, con particolare attenzione alle donne immigrate. Sono stati ratificati due progetti, “Agar I” e “Agar II”, approvati dalla presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per le Pari Opportunità e cofinanziati con risorse regionali.



“Con questi progetti – ha dichiarato la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini - confermiamo la nostra attenzione al fenomeno della violenza contro le donne e promuoviamo specifiche azioni in favore delle vittime di tratta e di grave sfruttamento sessuale o lavorativo. Se da un lato l’obiettivo è far emergere i casi sommersi, dall’altro puntiamo a realizzare percorsi di assistenza e di integrazione sociale e lavorativa. Una presa in carico a 360 gradi per evitare che le vittime ricadano nella rete dello sfruttamento”.

“AGAR I - Agire e Assistere in Rete contro la tratta nel Lazio: programma regionale di emersione e prima assistenza” e “AGAR II - Agire e Assistere in Rete contro la tratta nel Lazio: programma regionale di assistenza e di integrazione sociale”, realizzano un innovativo sistema di governance tra la Regione Lazio e le associazioni che si occupano di assistere le vittime di sfruttamento. In particolare, specifiche unità di strada intercetteranno le vittime direttamente nei luoghi di sfruttamento, per poi offrire protezione e prima assistenza presso i centri antiviolenza. A questa prima fase, farà seguito un percorso che intende favorire l’inserimento sociale e il raggiungimento della piena autonomia, attraverso l’accompagnamento nelle fasi della denuncia e del processo, ma anche l’assistenza legale per l’eventuale ottenimento del permesso di soggiorno, l’assistenza socio-sanitaria, percorsi formativi per l’inserimento lavorativo e assistenza per il rimpatrio assistito.

“Ancora una volta, anche grazie al contributo in termini di esperienza e di professionalità delle associazioni di settore – aggiunge l’assessore regionale alle Politiche sociali e Famiglia, Aldo Forte – creiamo un modello di assistenza, una strategia fatta di condivisione, perché per contrastare il fenomeno della tratta abbiamo bisogno di una rete diffusa di intervento. Per questo, oltre alle associazioni, i progetti prevedono anche l’attiva collaborazione delle comunità di cittadini immigrati, come soggetti in grado di facilitare il contatto tra vittime e servizi. In questo modo, - ha concluso – contrastiamo lo sfruttamento, promuoviamo la cultura della legalità e rafforziamo il senso di appartenenza degli immigrati alle comunità nelle quali vivono”.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]