Giovedì, 01 Marzo 2012 12:53

Trasporti. Rivolta sul treno Ostia Lido - Roma. E il governo pensa alla Tav

Scritto da

OSTIA (ROMA) - Stipati come bestie in treni affollatissimi. E' questa la vita di chi è costretto a fare il pendolare con la capitale. Ma oggi i passeggeri non ce l'hanno più fatta e dopo l'ennesimo disservizio sono scesi  dal treno e hanno invaso i binari.

Il treno partito da Ostia carico di persone si è fermato improvvisamente a 500 metri dalla fermata Magliana.  Motivo: guasto all'impianto di alimentazione. "Mancava il respiro ed eravamo tantissimi, troppi su quel treno", ha raccontato un testimone. "E tutti i giorni questa situazione si ripete", ha aggiunto. Così i passeggeri inferociti sono scesi e hanno raggiunto a piedi la fermata Magliana a 500 metri di distanza, camminando sui binari e sui sassi.
Alcuni si sono sentiti male. Infatti, a bordo del treno c'erano anziani, bambini e addirittura qualche donna incinta.Insomma scene da terzo mondo che lasciano riflettere sulle condizioni in cui viaggiano migliaia di persone quotidianamente, mentre a nord si spenderanno miliardi di euro per l'Alta velocità. Inutile nasconderlo, L'Italia è il Paese delle contraddizioni.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]