Giovedì, 01 Marzo 2012 12:53

Trasporti. Rivolta sul treno Ostia Lido - Roma. E il governo pensa alla Tav

Scritto da

OSTIA (ROMA) - Stipati come bestie in treni affollatissimi. E' questa la vita di chi è costretto a fare il pendolare con la capitale. Ma oggi i passeggeri non ce l'hanno più fatta e dopo l'ennesimo disservizio sono scesi  dal treno e hanno invaso i binari.

Il treno partito da Ostia carico di persone si è fermato improvvisamente a 500 metri dalla fermata Magliana.  Motivo: guasto all'impianto di alimentazione. "Mancava il respiro ed eravamo tantissimi, troppi su quel treno", ha raccontato un testimone. "E tutti i giorni questa situazione si ripete", ha aggiunto. Così i passeggeri inferociti sono scesi e hanno raggiunto a piedi la fermata Magliana a 500 metri di distanza, camminando sui binari e sui sassi.
Alcuni si sono sentiti male. Infatti, a bordo del treno c'erano anziani, bambini e addirittura qualche donna incinta.Insomma scene da terzo mondo che lasciano riflettere sulle condizioni in cui viaggiano migliaia di persone quotidianamente, mentre a nord si spenderanno miliardi di euro per l'Alta velocità. Inutile nasconderlo, L'Italia è il Paese delle contraddizioni.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]