Ramona Giattino

Ramona Giattino

''Una reale trattativa non e' mai partita''. Cosi' l'ad della Roma, Claudio Fenucci, ospite negli studi Sky, commenta uno dei tormentoni del calciomercato, ossia Daniele de Rossi, finito nel mirino del Manchester City. ''In realtà non abbiamo ascoltato molto le proposte – ha detto il manager giallorosso - non c'e' mai stata da parte nostra la convinzione di portare fino in fondo questa trattativa e anche le cifre - dice a mo' di no comment a domanda precisa sull'entita' dell'offerta - lasciano il tempo che trovano. De Rossi - ha aggiunto Fenucci - e' un calciatore diverso dagli altri, sia per caratteristiche, sia per quello che puo' dare in chiave futura. e prima di valutare una sua cessione ci avremmo pensato parecchio. Noi vogliamo costruire una squadra competitiva e da subito. Abbiamo ridotto la rosa, ridotto il monte salari, intrapreso la strada del risanamento e gli azionisti ci hanno supportato negli investimenti anche se abbiamo un gap di ricavi rispetto alle tre grandi (Juventus, Milan, Inter, ndr) di 90 milioni di euro. Possiamo aver sentito la cifra ma, ripeto, non e' mai partita una trattativa''. Sullo stadio, Fenucci ha ricordato che ''e' uno dei cardini di sviluppo della strategia societaria, abbiamo fatto una short list con tre-quattro aree ed entro breve definiremo il progetto''.

Si è concluso ufficialmente il calciomercato e si definisce il nuovo volto della Juventus. Almeno fino al 31 gennaio.

"E'stata una trattativa lunga, ma semplicemente per il fatto che c'erano molto attori in commedia che cercavano di spuntarla al meglio, noi abbiamo puntato sul consenso di massima del giocatore che fin dall'inizio aveva dato la sua disponibilita' al trasferimento, bisogna dare atto anche al presidente del Genoa, Enrico Preziosi, che aveva dato la sua parola al ds Sabatini e, pur nelle difficolta' della trattativa, ha tenuto fede alla parola". Con queste parole il direttore generale della Roma, Franco Baldini, ha presentato Mattia Destro, attaccante giallorosso che la societa' ha fortemente voluto battendo la concorrenza delle altre big interessate, Juve e Inter su tutte.

ATTACCANTE ESTERNO O CENTRALE? - "Sono qui a Roma perche' mi ha convinto il progetto, la voglia che ha avuto la societa' di prendermi e questa grandissima piazza che ha una tifoseria eccezionale, senza dimenticare l'allenatore e la squadra. Noi ce la metteremo tutta per portare a termine il nostro progetto", ha dichiarato Destro nelle sue prime parole da giocatore giallorosso. Prima punta esplosa nel Siena, l'attaccante e' pronto a mettersi a disposizione di Zeman che ama giocare con tre attaccanti e che potrebbe anche schierarlo come esterno. "Ho giocato in questo ruolo anche al Genoa, comunque mi metto a disposizione, per me e' la cosa piu' importante. Totti? Per un giovane come me avere al proprio fianco un giocatore come il capitano, che e' eccezionale, e' il massimo".

CONCORRENZA - Non sara' facile trovare posto in un attacco piu' che competitivo. "La concorrenza e' tanta, ma nessun giocatore deve accontentarsi. C'e' un allenatore che decide, poi ogni calciatore deve dare il massimo - ha spiegato Destro -, poi e' il tecnico a prendere le decisioni. Per me sara' bello confrontarsi con gli altri attaccanti importanti che ha questa squadra". Per Destro e' stata un'estate da grande protagonista, prima l'inserimento nella lista dei pre-convocati di Prandelli per Euro2012, poi il corteggiamento delle grandi.

PRESSIONI - "Sono un ragazzo giovane e devo ammettere che per me e' stato un mese delicato, ho cercato di scegliere la soluzione migliore per il mio futuro - ha spiegato Destro -, ero pienamente convinto della mia scelta, lo sono ancora ed eccomi qui a Roma". Le pressioni non gli fanno paura. "Mi piace prendermi le mie responsabilita', non sono uno che si tira indietro, e' stato un anno importante per me e adesso devo continuare a far bene. Roma da scudetto? Noi ci stiamo allenando bene con l'obiettivo di fare un grande campionato, poi vedremo partita dopo partita cosa possiamo fare".

SU TOTTI - “Avere al fianco uno come Francesco Totti e' eccezionale perche' e' un giocatore fantastico che ti mette nelle condizioni di far bene''. Cosi' Mattia Destro, nel giorno della sua presentazione come nuovo acquisto della Roma, parla dei suoi nuovi compagni di squadra ed in particolare del capitano giallorosso, col quale non ha avuto ancora modo si allenarsi in quanto stanno facendo differenziato. ''Giocare con uno come lui? - risponde l'attaccante - Non poteva andare meglio''.

Niccolo' Campriani ha vinto la medaglia d'argento nel tiro a segno, specialita' carabina dai 10 metri maschile, dei Giochi olimpici di Londra. Alla Royal Artillery Barracks, l'azzurro si e' piazzato secondo con 701.5 punti. Il ventiquattrenne fiorentino e' arrivato alle spalle del romeno Alin George Moldoveanu, medaglia d'oro, con 702.1 punti. Bronzo all'indiano Gagan Narang, con 701.1 punti.

Una rissa forse provocata da una giocata irregolare durante una partita di cricket ieri a Villa Pamphili, a Roma, ha portato la polizia a denunciare 6 persone, tra indiani e cittadini dello Sri Lanka. A fronteggiarsi due gruppi di immigrati, segnalati da numerose chiamate al 113 di frequentatori del parco che avevano visto i giocatori darsele di santa ragione. Dopo pochi minuti gli agenti del Commissariato Monteverde e Trastevere hanno raggiunto Villa Pamphili e dopo aver acquisito informazioni dai numerosi testimoni si sono messi alla ricerca delle persone che avevano partecipato poco prima alla rissa. Al termine di una battuta all'interno del parco i poliziotti hanno individuato un gruppo di persone corrispondenti alle descrizioni vicino all'uscita di via Aurelia Antica e le hanno bloccate. Alcuni di loro presentavano evidenti segni della rissa, tanto da dover ricorrere alle cure del 118.

Sei uomini, di eta' compresa tra i 30 ed i 40 anni, sono stati accompagnati negli uffici del commissariato Monteverde, diretto da Mario Viola e, una volta accertate le loro responsabilita', sono stati denunciati per rissa aggravata. Gli agenti hanno recuperato e sequestrato una mazza da cricket con il manico spezzato, utilizzata da uno dei responsabili per picchiare.

Venerdì, 27 Luglio 2012 09:22

Totti apre a un futuro negli Usa: "Chissà"

''Francamente non lo so, ancora non ci ho pensato. Ora sono legato alla Roma. In futuro, chissa'...''. Cosi' Francesco Totti, appena arrivato in New Jersey dopo la vittoria con il Liverpool, torna sul 'tormentone' circa un suo futuro in una squadra americana, sulle orme di David Beckham.

Alla vigilia della terza ed ultima partita della tournee americana, il capitano della Roma, assieme a tutta la squadra, si allena oggi in un campo del New Jersey, da cui si scorge lo skyline di New York. Anche ieri, a Boston, Totti ha giocato laterale sinistro. A chi gli chiede se Zeman gli abbia gia' annunciato che giochera' anche domani, contro El Salvador, nella stessa posizione, Totti risponde con un sorriso: ''L'allenatore ci dice la formazione un'ora prima di scendere in campo. Come dire, siamo gli ultimi a saperlo...''. Ad ogni modo – ha aggiunto Totti sempre sorridente - in quella posizione mi trovo benissimo''.

Accanto al capitano, nella conferenza stampa nell'albergo che ospita i giallorossi, Michael Bradley, l'eroe del Fenway Park, il giocatore che con il suo destro a fil di palo ha aperto le marcature contro il Liverpool. ''La mia responsabilita' principale - dice Bradley - e' mettermi a disposizione della squadra, adeguarmi ed essere all'altezza dei grani campioni che giocano qui''.

In precedenza, anche Zdenek Zeman aveva commentato l'ottima accoglienza che la Roma sta ricevendo negli States. ''Sono rimasto piacevolmente sorpreso dalla partecipazione popolare e dalla accoglienza che stiamo ricevendo''.

Infine il ct boemo loda la nuova proprieta': ''Certamente non e' facile. Qui il calcio non e' tanto popolare come da noi. Tuttavia - conclude - la nostra proprieta' sta facendo di tutto per migliorare, anche in America, l'immagine di questa societa' e di questa squadra''.

Partenze (abbastanza) soft per Juve, Milan e Inter; finale choc per la Roma che nelle ultime due giornate prima ospita il Milan poi si sposta a Napoli. Inizio di campionato tutto sommato non difficile nemmeno per Napoli e Lazio. Questo, almeno sulla carta, l'esito della compilazione del calendario per la stagione 2012-13 della Serie A Tim. Si parte il 25-26 agosto con 2 anticipi al sabato (18 e 20.45), una partita alle 18 della domenica ed il resto delle gare in notturna.

Quattro le soste: il 9 settembre, il 14 ottobre, il 30 dicembre e il 24 marzo. In campo anche il 22 e il 23 dicembre con match clou Roma-Milan ed il 6 gennaio con in programma Napoli-Roma. Tre i turni infrasettimanali: il 26 settembre, il 31 ottobre e l'8 maggio. Fine dei giochi il 19 maggio 2013.

I campioni d'Italia ripartono dal Parma allo Juventus stadium, poi 2 trasferte consecutive con Udinese e Genoa, quindi il Chievo tra le mura amiche, poi la visita a Firenze. Il Milan esordisce con la Samp, quindi va a Bologna, riceve l'Atalanta, viaggia a Udine per poi ospitare il Cagliari.

Per l'Inter prima a Pescara, alla seconda il primo big match della stagione con la Roma al Meazza, poi col Torino fuori, il Siena in casa, il Chievo a Verona. Brutto cliente alla prima per il Napoli: il Palermo alla Favorita ma poi 2 gare casalinghe di seguito con Fiorentina e Parma, quindi il Catania al Massimino e la Lazio al San Paolo.

La Roma di Zeman parte con il Catania all'Olimpico, poi l'Inter a Milano, il Bologna tra le mure amiche, il Cagliari fuori, quindi riceve la Sampdoria. Quanto ai derby, il primo e' Milan-Inter alla 7ma giornata il 7 ottobre, Lazio-Roma alla 12ma l'11 novembre (giorno della morte di Gabriele Sandri), Samp-Genoa alla 13ma il 18 novembre, chiude Juve-Toro alla 15ma il 2 dicembre.

Big match: Juve-Roma alla sesta il 30 settembre, Juventus-Napoli all'ottava il 21 ottobre, Juve-Inter alla 11ma il 4 novembre, Napoli-Milan alla 13ma il 18 novembre, Milan-Juve alla 14ma il 25 novembre, Lazio-Inter alla 17ma il 18 dicembre.

Ida Di Nola D’Antona torna il libreria. Dopo il successo di Didi racconta, E finì quell’estate, Il profumo della fantasia e Anna e Giacomo, ora è il turno di Come per incanto, scritto con il solito stile semplice, appassionato e scorrevole che l’ha resa famosa nel mondo della bella narrativa.
Come per incanto è dedicato agli adolescenti e a tutti gli amanti dell’atmosfera magica e surreale che si vive a contatto con la natura e alcuni animali, amici dell’uomo per antonomasia.
L’Opera si presenta come un insieme di fantasiosi racconti, una sequenza di rappresentazioni e reminiscenze fiabesche, da cui si snodano varie storie che esprimono e trasmettono un delicato sentimento d’amore per la vita e predispongono l’animo alla bontà, all’altruismo, all’amicizia.
Gli episodi sono in qualche modo collegati tra loro da una grande varietà di legami e correlazioni che si influenzano e condizionano reciprocamente. Con valutazioni implicite, osservazioni ed esperienze dirette, la Scrittrice affronta i temi specifici dell’amicizia, dignità e amore per la famiglia.

G.E.I, Gruppo Editoriale Idea
Via Pietro Mascagni, 154 – 00199 Roma
www.geiedit.com

La Commissione Disciplinare della Figc ha ricevuto l'elenco dei deferiti per la vicenda calcio scommesse redatto dal Procuratore federale Stefano Palazzi. La situazione più grave è quella di Leonardo Bonucci: il difensore della Juventus è, infatti, indagato per illecito sportivo, così come Daniele Portanova, Andrea e Salvatore Masiello, Alessandro Parisi e Nicola Belmonte. I fatti risalgono a Udinese-Bari del 9 maggio 2012. I giocatori in questione, che ai tempi militavano nel Bari, sono accusati di aver posto in essere atti diretti ad alterare lo svolgimento ed il risultato della gara, in funzione di un over con pareggio tra le due squadre in concorso tra di loro e con altri soggetti non tesserati e altri ancora non identificati. C'è anche l'aggravante dell'"effettiva alterazione dello svolgimento e del risultato finale".

Sempre per i fatti legati a Udinese-Bari, è stato deferito anche Simone Pepe, all'epoca giocatore dei friulani. L'accusa è meno grave: omessa denuncia per aver "violato il dovere di informare la Procura federale, omettendo di denunciare i fatti integranti illecito sportivo". Antonio Conte è stato deferito, invece, per doppia omessa denuncia nelle partite Novara-Siena e Albinoleffe-Siena. Tra gli indagati risulta anche Marco Di Vaio: omessa denuncia anche per l'ex attaccante del Bologna, in merito all'incontro Bologna-Bari del 22 maggio 2010. Tra le società sotto accusa, quelle che rischiano di più sono Lecce e Grosseto: indagate per responsabilità diretta potrebbero essere a rischio retrocessione. Il Siena è invece a rischio penalizzazione per responsabilità oggettiva.

Ecco tutti i deferimenti:

Le società:

Responsabilità diretta

Lecce e Grosseto

Responsabilità oggettiva

Udinese, Bari, Portogruaro, Sampdoria, Siena, Ancona, Novara,

Torino, Varese, Albinoleffe, Bologna

I tesserati:

Illecito sportivo

Andrea Masiello, Salvatore Masiello, Nicola Belmonte,

Alessandro Parisi, Leonardo Bonucci, Antonio Bellavista,

Stefano Guberti, Marco Rossi, Filippo Carobbio,

Daniele Padelli, Cristian Stellini (ex vice-allenatore Siena),

Giuseppe Vives, Pierandrea Semeraro (presidente Lecce),

Piero Camilli (presidente Grosseto), Carlo Gervasoni,

Mario Cassano, Edoardo Catinali, Cristian Bertani, Davide Drascek,

Mavillo Gheller, Marcelo Larrondo, Roberto Vitiello,

Alessandro Pellicori, Emanuele Pesoli, Ruben Garlini,

Davide Bombardini, Dario Passoni, Luigi Sala, Mirko Poloni,

Fernando Coppola, Claudio Terzi, Marcello Sanfelice per illecito

sportivo

Omessa denuncia

Simone Pepe, Guido Angelozzi (ex ds Bari), Simone Bentivoglio,

Angelo Da Costa Junior, Antonio Conte (ex-allenatore Siena),

Angelo Alessio (ex-vice allenatore Siena), Marco Savorani

(ex-allenatore portieri Siena), Giorgio D'urbano (Ex-preparatore

atletico Siena)

Violazione art.1 (lealtà sportiva)

Marco Esposito per violazione art.1 (lealtà sportiva).

Mattia Destro è giallorosso. È stato finalmente raggiunto in giornata all’ora di pranzo l’accordo tra Contratto e Vigorelli, agenti dell’attaccante ventunenne del Siena, e il direttore sportivo della Roma Walter Sabatini. Dopo una lunga trattativa, Destro ha deciso di unirsi alla corte di Zdenek Zeman per un ingaggio annuo di 1,5 milioni di euro più bonus, con buona pace di Inter e Juventus che aveva messo un grosso punto interrogativo sul trasferimento nella capitale dell’attaccante con un’offerta più alta, poi pareggiata dal club capitolino. I termini dell’accordo dovrebbero portare il Genoa a riscattare metà Destro dal Siena per 7 milioni, metà Lamanna e il prestito di Verre, in comproprietà con la Roma. La società giallorossa, oltre alla metà del mediano, concede anche quella di Piscitella, 5 milioni per il prestito oneroso e un riscatto da esercitare tra un anno a 7 milioni. Più una serie di bonus che portano il totale a oltre 16 milioni. Senza eventuali sorprese, Destro sarà a Roma già mercoledì per le rituali visite mediche e per firmare il contratto con la società giallorossa. Secondo Pietro Lo Monaco, amministratore delegato del Genoa, Destro non avrebbe potuto scegliere meglio. “La Roma ha dimostrato di essere la squadra che più lo ha voluto, ha fatto tutto quello che era possibile fare per prendere il giocatore”, ha commentato. Dopo quasi due mesi si è conclusa così la telenovela di Destro, che da oggi vedrà il suo futuro in giallorosso.

Pagina 1 di 4

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]