Giovedì, 16 Febbraio 2017 10:24

Ignazio Marino: il nostro progetto dello stadio era rigoroso

Scritto da

ROMA - "L'amministrazione Raggi ha davanti un bivio: o porta avanti il progetto originario" del cosiddetto stadio della Roma a Tor di Valle "con il massimo rigore e serietà nel presidiare il pubblico interesse pretesto dalla mia Giunta o, se decide dicambiarlo, deve illustrare quali sono gli ulteriori vantaggi pubblici e concreti per la vita dei cittadini del nuovo indirizzo".

Lo scrive il predecessore di Virginia Raggi (M5S) al Campidoglio, Ignazio Marino (Pd), che, in una lettera a "Repubblica", puntualizza che, quando era sindaco di Roma, l'assemblea capitolina votò, il 22 dicembre 2014, una delibera che prevedeva una serie di "opere connesse all'impianto sportivo e utili alla qualità della vita delle romane e dei romani". In particolare, venne previsto "il potenziamento del trasporto pubblico su ferro a servizio dell'area di Tor di Valle e della città", "l'adeguamento di via Ostiense/via del Mare", "il collegamento con l'autostrada Roma Fiumicino attraverso un nuovo ponte sul Tevere", "l'intervento di mitigazione del rischio idraulico e di messa in sicurezza dell'area". La delibera, precisa ancora Marino, specificava che se fosse venuto a mancare "una sola di queste opere di interesse pubblico", si sarebbe dovuto "riscrivere una nuova delibera. E' questo lo stallo in cui si è impantanato lo stadio". "A Roma - afferma l'ex sindaco - non c'è uno scontro tra voraci palazzinari e queli che invece vogliono tagliare le unghie alla speculazione immobiliare. Sembra esserci più che altro un gioco, tra chi non vuole, avendo sbagliato percorso, perdere la faccia e chi, il proponente privato, chiede semplicemetnte certezze". 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077