Menu
Serve ancora ricordare e celebrare il 25 aprile?

Serve ancora ricordare e celebrare il 25 aprile?

ROMA - Ogni anno torna la stessa domanda, qualcuno la...

Jobs Act: ecco chi ha trovato lavoro

Jobs Act: ecco chi ha trovato lavoro

Con l’avvento del jobs act gli impiegati, le segretarie, i...

Girovago e Rondella e il teatro mobile … da non perdere

Girovago e Rondella e il teatro mobile … da non perdere

Improvvisamente un autobus parcheggia nella piazza principale (e pedonale) di...

Fermiamo i signori della guerra

Fermiamo i signori della guerra

Trovo vergognosa l’indifferenza con cui noi assistiamo a una ‘guerra...

Gelato Festival Europa  parte alla conquista dell'Europa

Gelato Festival Europa parte alla conquista dell'Europa

Compie otto anni la prima manifestazione itinerante del gelato artigianale...

Corea del nord agli Usa: vi cancelleremo da cartina geografica

Corea del nord agli Usa: vi cancelleremo da cartina geografica

PYONGYANG - Un sito ufficiale nordcoreano ha avvertito gli Stati...

Elezioni Francia, Macron e Le Pen al ballottaggio

Elezioni Francia, Macron e Le Pen al ballottaggio

PARIGI - I risultati definitivi del primo turno delle presidenziali...

Sala Umberto. “Uno nessuno centomila”e un grande Enrico Lo Verso

Sala Umberto. “Uno nessuno centomila”e un grande Enrico Lo Verso

ROMA – “Uno nessuno centomila” è l’ultimo romanzo di Luigi...

Mattarella con Amnesty a difesa dei diritti umani

Mattarella con Amnesty a difesa dei diritti umani

ROMA - Il rispetto e la promozione dei diritti umani...

Francia. 47 milioni al voto per le presidenziali

Francia. 47 milioni al voto per le presidenziali

PARIGI - Urne aperte per 47 milioni di cittadini francesi,...

Prev Next

Vendevano targhe false: 6 denunciati

Vendevano targhe false: 6 denunciati

Quasi due anni di indagini e 6 persone denunciate, a vario titolo, per falso materiale, truffa e contraffazione di sigilli di Stato.

Questo, è il bilancio dell’operazione denominata “Italian Job” condotta dagli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Albano Laziale e coordinati dalla Procura della Repubblica di Velletri.

Tutto ha inizio quando un imprenditore locale, era stato contattato da un uomo per l’acquisto di materiale per la produzione di targhe, presso una ditta spagnola di cui quest’ultimo era titolare.

Gli affari andavano bene, con  pagamenti regolari tanto che, l’imprenditore, aveva acquistato fiducia nell’acquirente - titolare di una società locazione veicoli -  accettando da questo anche una autovettura di grossa cilindrata in affitto.

La fiducia era cresciuta ancor di più, fino a quando la vittima, era stata convinta a vendere due veicoli d’epoca di sua proprietà, pagati regolarmente con assegni e a prendere un’ ulteriore autovettura in affitto.

L’amicizia però, è durata fino a quando l’imprenditore, ha scoperto che gli assegni ricevuti risultavano falsi e, le autovetture vendute, erano ormai passate di proprietà. Inoltre, le autovetture prese a noleggio, erano risultate denunciate all’estero per appropriazione indebita.

Al termine delle indagini i poliziotti hanno denunciato 6 persone e sequestrato anche il sito internet su cui il “truffatore” vendeva le targhe false con timbro dello Stato Italiano.

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208