OSTIA (ROMA) - Ci ha provato un anno fa l'associazione antimafia di Libera a gestire uno stabilimento a Ostia, ma sembra che sia una vera e propria impresa titanica portare "una gestione trasparente dentro territori malati di mafiosità".

Published in Dazebao Roma

OSTIA (ROMA) - Blitz dei carabinieri sul litorale romano, ad Ostia. In manette sono finite dieci persone appartenenti alla famiglia Spada, nell'ambito di un'indagine denominata "Sub Urbe".

Published in Dazebao Roma

Operazione Dune. Sigilli Dar Zagaja, Mediterranea, Porto di Enea, Oasi naturista e Mecs Village

Published in Dazebao Roma

A Ostia il lungomuro di cemento resiste nonostante le denunce dei Radicali

Published in Dazebao Roma

La donna di Samo

Menandro, l'autore più rappresentato della "commedia nuova", considerato dagli antichi greci secondo solo ad Omero, fu per molto tempo poco più di un nome. Alcuni fortunati ritrovamenti di papiri hanno permesso alle sue commedie di riemergere dalle nebbie del tempo. Molte commedie sono incomplete, ma altre hanno permesso di tratteggiare una chiara immagine della straordinaria capacità del loro autore. La donna di Samo del titolo è Criside, già etèra e poi compagna di un benestante Demea, mercante di Atene. Attorno alla figura della donna ruotano le vicende di due famiglie in un intreccio di amori, equivoci e inganni che si scioglie nell'immancabile lieto fine. Menandro è abilissimo nel descrivere le tensioni, la    fragilità, le astuzie della "nuova società" ateniese verso la fine del IV° secolo a.C. L'opera può essere definita una vera commedia degli equivoci e, nonostante tutti si comportino in assoluta buona fede e manchi la figura del malvagio, la situazione rischia sempre di precipitare.
La figura femminile di Criside spicca per la sua sensibilità e modernità. La donna accetta accuse ingiuste e anche di essere cacciata di casa senza ribellarsi, solo per solidarietà femminile. Anche, Demea, il protagonista maschile ha una sua originalità.
E' la trasformazione menandrea di un classico personaggio comico del passato : l'uomo maturo innamorato di una giovane che da comico, nella scrittura elegante di Menandro, si trasforma in controverso personaggio dai mille risvolti psicologici che lotta con se stesso ma non può impedirsi di essere roso dalla    gelosia. Menandro non genera mai momenti di pura ilarità, ma grazie ad un senso del comico molto sottile fa sorridere  molto di pregi e difetti dei vari individui che compongono la sua intrigante umanità. Non ci sono più i grandi temi del passato, le grandi passioni, i grandi obiettivi. La Grecia di Menandro si guarda dentro di se in una introspezione quasi attonita e la famiglia, o meglio il microcosmo familiare diviene il punto focale dell'indagine poetica.

Tato Russo in I due gemelli napoletani

Cavallo di battaglia del Tato Russo attore, Menecmi ha avuto decine di riprese ed ha collezionato negli anni più di 600 repliche. La riscrittura originale di Tato dell’originale plautino conserva tutto il suo plebeismo, tutti i suoi caratteri di teatro popolare ma ne amplia a tal punto l’efficacia e il divertimento così da farlo diventare un capolavoro autentico dell’arte comica. 18 volte confessò d’averlo visto uno spettatore insaziabile. E insaziabili sono ogni anno le richieste degli spettatori di ripresa di questo spettacolo in cui Tato Russo si consacra attore specialissimo e dalla straordinaria comunicativa. Due ore di risate assicurate, un meccanismo comico perfetto, una grande prova di attore per Tato osannato dalla critica e dal pubblico per questa straordinaria interpretazione. 

«Sono venticinque anni che porto in giro per l'Italia i miei Menecmi, ispirati a Plauto: in tutto questo tempo è cambiata la mia età anagrafica, e mi è diventato faticoso interpretare due parti. Ma il pubblico e i teatri continuano a richiedermelo, e oggi mi ritrovo a inventarmi le forze per essere di nuovo in scena con questo mostruoso composto di fatica e di follia creativa. Ce la farò ancora una volta?». 

NOTE DI REGIA

I Menecmi è una libera elaborazione di Tato Russo da Menecmo di Plauto, oltre ad essere una delle più famose e forse, come la definiscono alcuni, la commedia più plautina di Plauto. Tato Russo affidando le parti dei gemelli ad un unico attore ha ambientato la vicenda in una Napoli antica, la Neapolis dell'epoca. Ma nonostante che un gemello becero e volgare sia contrapposto all'altro, colto e intellettuale, che fa l'avvocato, entrambi i personaggi si esprimono in italiano. L'irrefrenabile, incontenibile, generoso regista e attore napoletano, versatile da sempre non solo come interprete ma anche come autore, innamorato della prosa come del musical, ha riscritto la storia di Plauto non mancando di darle un tocco partenopeo. E così l’esuberanza verbale, il termine plebeo, il lazzo, attraverso i quali Plauto ottiene la risata crassa, il divertimento gioioso, la comicità, qui raggiungono il massimo vigore dando clamore alla voce autentica che si innalza al di sopra di qualunque banale intellettualismo, alimentando le fondamentali peculiarità dell’autore sarsinate. L’origine atellanica dell’arte plautina si fa più vicina sia alla metrica musicale del tempo che alla grassezza popolare voluta da Plauto. LA TRAMA:
Un mercante aveva avuto due gemelli, Menecmo e Fosicle. Partito per un viaggio d’affari con il primo dei due, l’aveva perso in seguito ad un rapimento e di dolore era morto. Il secondo ribattezzato Menecmo dal nonno, fattosi adulto, nel corso delle ricerche che sta svolgendo per ritrovare il fratello, giunge ad Epidanno. E’ in questa città dai facili costumi, lussuriosa e decadente che vive il primo gemello il quale benché sposato si abbandona ad ogni forma di dissolutezza, potendo godere dei favori di una sgualdrina sua dirimpettaia.
La presenza del secondo gemello darà luogo come si può intuire, ad una serie di equivoci e di errori in cui la comicità esploderà in maniera prorompente in tutte le scene dello scambio fra i due fratelli. Solo l’incontro finale porrà fine ai qui pro quo. (Livio Galassi)

Published in Cinema & Teatro
Mercoledì, 08 Luglio 2015 17:36

Estate Romana 2015: il Teatro sbarca a Ostia

L’Estate Romana dal 2015 arriva al Teatro del Lido e sul lungomare di Ostia per regalare a cittadini, turisti e bagnanti quasi un mese di teatro con iniziative dedicate a grandi e piccini, a ingresso gratuito. 

Published in Cinema & Teatro

Sarà gestita da Uisp e Libera. Per una nuova stagione di legalità e corresponsabilità. Mercoledi' 29 aprile ore 12.00 Spiaggia Libera Lungomare Amerigo Vespucci 144. Saranno presenti Sabella, Di Girolami, Fontana, Secchi e Alberti

Published in Eventi da non perdere

ROMA - "Nessun compromesso ad Ostia  sulle spiagge con chi ha cementificato il mare di Roma e realizzato il lungomuro. L'accordo sui varchi e la sostituzione dei muri con muri di siepi è irricevibile”.

Published in Dazebao Roma

ROMA - Abbattuti i chioschi abusvi sulla spiaggia di Castel Porziano ad Ostia. Ad annunciarlo, questa mattina, è stato il sindaco di Roma, Ignazio Marino.

Published in Dazebao Roma

OSTIA (ROMA)  - Un 19enne italiano al volante di una Smart ha investito ieri sera alle 22.30 circa in via dell'Idroscalo ad Ostia due ragazze italiane di 22 e 24 anni. Le due giovani residenti nel quartiere, ferite gravemente dall'urto sono state trasportate all'ospedale San Camillo e al Grassi.

Published in Dazebao Roma

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]