ROMA - La chiusura della tranche estiva del festival Invito alla Danza, che proporrà in autunno nuovi spettacoli, è affidata all’ensemble del coreografo romano Mauro Astolfi.

Published in Cultura

ROMA - Un’ora e mezza di mimo intervallati da balli di break dance, senza dubbio, è un nuovo modo di fare spettacolo, più americano che italiano, quello andato in scena al teatro di Villa Pamphili di Roma.  Uno show quello dei Falappa’s Project e dei Bandit Crew adatto agli adulti, ma anche ai bambini, malgrado qualche battuta salace, edulcorata dal silenzio ambiguo del mimo.

Published in Cinema & Teatro

Una rissa forse provocata da una giocata irregolare durante una partita di cricket ieri a Villa Pamphili, a Roma, ha portato la polizia a denunciare 6 persone, tra indiani e cittadini dello Sri Lanka. A fronteggiarsi due gruppi di immigrati, segnalati da numerose chiamate al 113 di frequentatori del parco che avevano visto i giocatori darsele di santa ragione. Dopo pochi minuti gli agenti del Commissariato Monteverde e Trastevere hanno raggiunto Villa Pamphili e dopo aver acquisito informazioni dai numerosi testimoni si sono messi alla ricerca delle persone che avevano partecipato poco prima alla rissa. Al termine di una battuta all'interno del parco i poliziotti hanno individuato un gruppo di persone corrispondenti alle descrizioni vicino all'uscita di via Aurelia Antica e le hanno bloccate. Alcuni di loro presentavano evidenti segni della rissa, tanto da dover ricorrere alle cure del 118.

Sei uomini, di eta' compresa tra i 30 ed i 40 anni, sono stati accompagnati negli uffici del commissariato Monteverde, diretto da Mario Viola e, una volta accertate le loro responsabilita', sono stati denunciati per rissa aggravata. Gli agenti hanno recuperato e sequestrato una mazza da cricket con il manico spezzato, utilizzata da uno dei responsabili per picchiare.

Published in Dazebao Roma

ROMA - “Al shaab yurid inhaa al inqisam” , ovvero il popolo vuole la fine delle divisioni.

Published in Mondo

ROMA – Il berlusconismo non risparmia oramai nessuno, nemmeno le menti intelligenti e innovative come Antonio Ricci, creatore di “Drive in” e di “Striscia la notizia”. Da anni impegnato a difendere la satira ed anche le “veline”, cioè quelle ragazze che, almeno agli inizi, fingevano di portare foglietti con le indicazioni sulle notizie da fornire ai telespettatori, come si usava durante il Ventennio, Ricci ce l’ha a morte con la sinistra che sovente lo ha messo sotto accusa per aver sfruttato una certa immagine (seminuda) delle donne. Il suo alterg-ego, Ezio Greggio, si affanna a spiegare in televisione che loro non utilizzano le donne come “statuine” ma ne fanno delle icone ironiche e satiriche proprio di quelle trasmissioni e di quella stampa che si foraggiano con tette e culi.

Published in Società

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]