L’International Collaboration on Repair Discoveries (ICORD) sfida l'attuale standard per la gestione della pressione sanguigna nelle persone con lesioni del midollo spinale (SCI)  Uno st

Giovedì, 15 Ottobre 2020 08:55

Tecnologia: come viene usato internet in Sicilia?

Scritto da

La tecnologia è ormai punto di riferimento per il nostro presente e soprattutto per il nostro futuro. In alcune regioni come la Sicilia si è deciso di puntare tutto sullo sviluppo di questa tecnologia per consentire ai privati ed alle aziende ed ai privati di portare avanti tutte le attività quotidiane lavorative e non.

I neoantigeni, minuscoli marcatori che derivano da mutazioni del cancro e contrassegnano le cellule cancerose potrebbero essere la chiave per sbloccare una nuova generazione di immunoterapie. Mirare agli neoantigeni "giusti" attraverso un vaccino contro il cancro o una terapia cellulare potrebbe infatti eliminare il cancro di un paziente con effetti collaterali minimi. Ma in un tumore possono esistere centinaia di mutazioni e solo alcune possono dare origine a neoantigeni che possono innescare una risposta immunitaria contro il cancro. La domanda rimane: quali?

La ricerca di alcuni scienziati lanciata dal Parker Institute for Cancer Immunotherapy (PICI) e dal Cancer Research Institute chiamata Tumor Neoantigen Selection Alliance (TESLA) hanno scoperto alcuni importantri parametri per prevedere meglio quali neoantigeni sono in grado di stimolare un effetto cancerogeno. TESLA riunisce un team di eccellenza che comprende 36 ricercatori nel campo biotecnologicoa, farmaceutico, universitario e scientifico senza scopo di lucro. I loro risultati sono stati pubblicati sulla rivista Cell e potrebbero dar vita ad una nuova generazione di immunoterapie contro il cancro più efficaci e personalizzate.

Attraverso un'analisi computazionale avanzata, il team ha scoperto cinque caratteristiche che indicavano fortemente quali marcatori di cancro avevano maggiori probabilità di generare una risposta immunitaria. Si dividono in due categorie principali: il modo in cui il neoantigene viene presentato sulla cellula cancerosa e il modo in cui il neoantigene viene riconosciuto dal sistema immunitario.

Quando il modello di dati che enfatizza queste cinque caratteristiche è stato messo alla prova contro un altro set di campioni di cancro, ha previsto con precisione il 75% dei bersagli neoantigeni efficaci e ha filtrato il 98% di quelli inefficaci. "Il nostro obiettivo è che i dati prodotti da TESLA diventino lo standard di riferimento quando si sviluppa un nuovo trattamento a base di neoantigene", ha affermato Daniel Wells, Ph.D., principale data scientist presso PICI e autore corrispondente dello studio. "Se ogni metodo, vecchio e nuovo, utilizzasse i dati per confrontare le proprie previsioni, l'intero campo sarebbe in grado di collaborare e migliorare ulteriormente nuovi metodi molto più rapidamente."

Per produrre questo "benchmark", ogni team di TESLA ha presentato le sue più promettenti previsioni sui neoantigeni per il melanoma e il cancro del polmone non a piccole cellule (NSCLC) all'organizzazione no profit Sage Bionetworks. PICI ha quindi confrontato e convalidato le previsioni corrette e riconoscibili da una cellula T. Quando le cinque caratteristiche appena trovate sono state riapplicate agli algoritmi dei team partecipanti, le previsioni sono migliorate in modo misurabile.

“Fino ad ora, la previsione del neoantigene è stata una scatola nera. Abbiamo avuto suggerimenti su quali caratteristiche potrebbero essere importanti. Il modello di dati di TESLA è il primo a identificare queste cinque caratteristiche come significative ", ha detto il professor Robert D. M. del Bursky Center for Human Immunology & Immunotherapy Programs presso la Washington University School of Medicine di St. Louis. Indubbio che sono necessari ulteriori studi in altri tipi di cancro, ma le scoperte rappresentano un significativo passo avanti per la ricerca sul neoantigene.

"Questa ricerca ha il potenziale di migliorare gli algoritmi matematici dei produttori di farmaci e dei ricercatori. Può dare la priorità agli antigeni che hanno più probabilità di essere presenti nel cancro di ogni paziente e più visibili al sistema immunitario, mentre deprezza quelli che non lo sono. Ciò significa migliori trattamenti personalizzati per i pazienti ", ha affermato Lisa Butterfield, vicepresidente della ricerca e sviluppo presso PICI. "Siamo entusiasti di vedere dove porteranno questi risultati."

Gli studi di TESLA sono già disponibili gratuitamente per la comunità di ricerca. La speranza è che possa portare a uno sviluppo accelerato della terapia personalizzata e persino a una migliore efficacia per i malati di cancro in tutto il mondo.

Per cambiare la società e avere un impatto positivo sul nostro benessere attraverso la tecnologia  

L’azienda di Pomezia punta a modelli di massima efficienza con l’ausilio della robotica 

Martedì, 06 Ottobre 2020 18:12

COVID-19. Un test con la saliva per evitare il contagio

Scritto da

Un team di ricercatori italiani mette a punto un biosensore elettrochimico miniaturizzato come possibile test di screening rapido, economico e non invasivo per la ricerca del virus SARS-CoV-2 

Una nuova ricerca svolta con la collaborazione degli istituti Officina dei materiali, Nazionale di ottica e di Fotonica e nanotecnologie del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iom, Cnr-Ino e Cnr-Ifn), ha mostrato che è possibile tenere insieme particelle con carica negativa, che di solito si respingono. Lo studio sulla Photon Bound Exciton, pubblicato su Nature Physics, apre inedite opportunità per la creazione di materiali innovativi da usare nello sviluppo di nuove tecnologie  

Uno studio europeo coordinato dall’Istituto di biofisica del Cnr di Trento, con la partecipazione delle Università di Trento, Edimburgo e Utrecht, l’Istituto Sloveno di Chimica e Immagina Biotechnology, ha individuato un meccanismo che “blocca” il normale processo di formazione delle proteine in individui affetti da SMA. Il risultato, pubblicato su Nature Cell Biology, rappresenta un punto di svolta nello sviluppo di terapie di nuova generazione   

Alti livelli di anticorpi diretti contro IFN di tipo I nel sangue di individui con forme severe. Tra questi anche pazienti con una malattia genetica rara, l’Incontinentia Pigmenti. Lo afferma, in due studi pubblicati sulla rivista Science, un team internazionale che comprende due ricercatrici dell’Istituto di genetica e biofisica del Cnr di Napoli  

Pagina 1 di 49

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Cultura

Opinioni

Arpa Puglia potenzia la sede di Taranto. Inaugurati i nuovi laboratori

Arpa Puglia potenzia la sede di Taranto. Inaugurati i nuovi laboratori

L’edificio sarà anche sede del Polo di Specializzazione Microinquinanti di Arpa Puglia, eccellenza nella determinazione dei composti organici persistenti (POP), e in particolar modo di PCB, diossine e IPA, in...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]