Domenica, 20 Gennaio 2013 21:45

Festival delle scienze. Buddismo e scienza: la via del nirvana è lastricata di saggezza

Scritto da

ROMA - Si conclude oggi, domenica 20 gennaio, all’Auditorium Parco della Musica, l’ottava edizione del Festival delle Scienze.

Manifestazione che ha registrato in quattro giorni circa 25.000 presenze. Sale strapiene, tutto esaurito per incontri e lectio magistralis,  lunghe code ai botteghini, anche per la scelta opportuna  di mantenere “simbolico” il prezzo dei biglietti: solo 2 euro, come per le passate edizioni.

Nell’atrio dell’auditorium, ragazze e ragazzi dello staff sono andati incontro al pubblico con cartelli che offrivano baci e abbracci gratis: il messaggio è chiaro, la felicità è amore.

Questo pomeriggio, in sala Petrassi, è stata la volta di Thomas Bien, che ha intrattenuto sul tema buddismo e scienza. Com’è noto il buddismo – che il Dalai Lama definisce una scienza della mente – è  filosofia e religione insieme, ha come fine la felicità su questa terra. Thomas Bien, psicologo, esercita ad Albuquerque, nel New Mexico. Ha conseguito una laurea summa cum laude presso la Rutgers College, un master di teologia a Princeton, un dottorato in psicologia clinica presso l'Università del New Mexico.  Il suo lavoro è all'avanguardia nell'integrazione di psicologia, consapevolezza, e spiritualità. E’ noto a livello internazionale. Autore del testo “La via del Buddha alla felicità”, sta lavorando al suo sesto libro. Insegna Mindful Living, Mindful Therapy, Life-Changing Insights of the Buddha: consapevolezza della vita, terapia della consapevolezza, cambiamenti all’interno del Budda. 

Avrebbe dovuto affiancare Thomas Bien in Sala Petrassi il chimico Pierluigi Luisi, per un confronto su buddismo e scienza. Purtroppo quest’ultimo non era presente e la platea è stata tutta per il professor Bien,  che ha parlato a lungo del nesso che esiste tra la felicità e la pratica buddista.

Thomas Bien ha sostenuto che la felicità è un vero e proprio allenamento. Ha invitato chiudere gli occhi, a inspirare ed espirare secondo le regole della meditazione. Ha chiarito come più ci si lascia andare più si diventa felici. Ha illustrato, attraverso un grafico, come la felicità dipenda al 50% da fattori genetici, al 40% dalla nostra azione e volontà, solo un 10% dalle circostanze.

Secondo Bean nella ricerca della felicità non sono importanti i traguardi da raggiungere, avere un fine non è necessario: non è necessario correre tutto il tempo, semmai combattere lo stress. Ha aggiunto che il buddismo considera molto importante l’accettazione della sofferenza.

Se si sia felici perché ricchi, o piuttosto ricchi perché felici, é  un punto, secondo Bien, da chiarire. Bien ha dimostrato che chi possiede un miliardo, non diventa più ricco perché ne possiede due. Ovviamente la miseria abietta non rende felici, ma il denaro può anche rappresentare una difficoltà. 

Di Thomas Bien è apparso chiaro l’equilibrio, l’apertura ad altre correnti di pensiero, la necessità di non essere dogmatici. Il dogma del resto sarebbe il contrario dello spirito buddista. Bisogna ricordarsi insomma di essere polvere e che alla polvere torneremo. O,  se vogliamo all’acqua, visto che siamo acqua al 70%. La via del nirvana insomma è lastricata di saggezza.

 

 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Cultura

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]