Lunedì, 08 Maggio 2017 21:58

Multiossigen premiata col Macfrut Innovation Award

Scritto da

Innovazione tecnologica ecosostenibile ed economica

La commissione tecnica del Macfrut Innovation Award 2017, la più grande fiera ortofrutticola globale con più di mille buyer internazionali e una media di 38 mila visitatori, che annovera tra i partner commerciali anche la Cina e ogni anno si tiene a Rimini presso l’Expo Center - quest’anno dal 10 al 12 maggio -  ha già assegnato i prestigiosi riconoscimenti Macfrut Innovation 2017, premiando la Multiossigen srl, l’azienda con sede a Bergamo, da circa 30 anni leader avanguardistica nel settore dell’ozono medicale e industriale.

Ed è nella VII categoria, quella riguardante la logistica e i servizi che l’impresa lombarda si è aggiudicata la medaglia d’argento, con l’innovativo “trattamento di aria per cella frigorifera con ozono”. Indubbi sono i vantaggi nella conservazione del prodotto, tra i quali si annoverano: la purificazione dell’aria dalle tossine, il controllo dei patogeni, il rallentamento della maturazione etilene, la disinfezione da qualunque batterio muffa e virus, l’azione repellente contro gli insetti. Ed è appunto per meriti di “sostenibilità ambientale ed economica ed innovazione tecnica”, che il 10 maggio alle ore 14.30 presso l’Agorà Macfrut, nell’ingresso Hall Sud verrà premiata la Multiossigen srl, nella persona dell’amministratore delegato il dott. Manuele Camolese, alla presenza del dott. Renzo Piraccini, presidente del Cesena Fiera, dei buyer internazionali e della stampa di settore. Con un riconoscimento in plexiglas, verranno distinti gli stand delle attività premiate, che saranno allestiti tutti in un’area dedicata: “Macfrut Innovation Hall”.

Un tale riconoscimento gratifica l’azienda per l’impegno che quotidianamente impiega nel trovare soluzioni economiche, efficienti, avanguardistiche e rispettose dell’ecosistema e non meno per la capacità di trovare risposte mirate a ogni esigenza specifica. L’installazione degli impianti, infatti, sono effettuati direttamente dai tecnici dell’azienda che si recano dal cliente, sul posto, studiando prima l’ambiente e le sue necessità. Nell’impianto ad aria, ad esempio, viene installato un generatore centrale di ozono autoregolato collegato a un quadro elettrico, dal quale si diramano, sul soffitto, tubi in teflon di altezza superiori agli 8 metri per irrorare l’ozono nelle celle frigorifere, munite di una sonda ad hoc. La temperatura preinstallata può variare dai 3° ai 18°, mentre il ricircolo dell’aria è garantito da un sistema di ventilazione e refrigerazione. Un sistema ottimale per conservare la frutta, come attestano le tante aziende che si rivolgono alla Multiossigen, tra le quali l’Azienda agricola Buzzega Massimo e Italo SS Agricola, nel modenese, che grazie alla cella frigorifera ha aumentato la shelf life della sua pera per uso gastronomico, conservandone intatte le preziose qualità.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Cultura

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]