Mercoledì, 07 Marzo 2018 14:20

Una spedizione alla ricerca di microrganismi nella Cordigliera cilena

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Un mondo straordinario, che ancora nasconde vaste aree da esplorare, soprattutto nel sottosuolo. La Cordigliera del Sale è infatti una delle più importanti aree carsiche saline del pianeta e nasconde sotto la sua superficie un fitto reticolo di grotte scavate nel sale. Una scoperta, questa, molto recente: le prime grotte sono state individuate solo negli anni '90 da alcuni speleologi francesi.

Da allora sono stati esplorati più di 15 chilometri di passaggi sotterranei, grazie soprattutto a spedizioni a guida italiana, organizzate dalla Commissione Grotte Eugenio Boegan di Trieste. La nuova spedizione, in partenza domani, punta a continuare quest'opera di esplorazione delle grotte nel sale della Cordigliera. Gli speleologi si caleranno nel sottosuolo e utilizzeranno tecniche di ricerca innovativa per studiare la morfologia di queste cavità uniche al mondo. Grazie alla collaborazione con la VIGEA - Virtual Geographic Agency (Reggio Emilia) saranno realizzate fotogrammetrie in 3D delle grotte con droni e laser scanner ad alta definizione. Gli studiosi preleveranno inoltre materiali da analizzare, alla  ricerca di nuovi minerali e di forme di vita microbiologiche finora sconosciute. I campioni saranno analizzati con tecniche di Next Generation Sequencing e di microscopia avanzata (FESEM, 3D Tomography TEM, Cryo-SEM, CLSM) per studiarne la morfologia e la loro interazione con il substrato.

La squadra che partirà in spedizione per la Cordigliera del Sale è guidata da Jo De Waele, docente al Dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali (BiGeA) dell'Università di Bologna. Il gruppo, composto in tutto da 19 speleologi, ospiterà diversi studiosi: Stefano Fabbri (laureato in Scienze ambientali, Dipartimento BiGeA, Università di Bologna), Laura Sanna (meteorologa-geologa, CNR-IbiMed, Sassari), Matteo Massironi (docente di Geologia planetaria, Dipartimento di GeoScienze, Università di Padova), Mauro Barbieri (astronomo, Universidad de Atacama, Copiapò) e Ana Zelia Miller (microbiologa, CSIC-IRNAS, Siviglia). La spedizione è organizzata dal team La Venta Esplorazioni Geografiche, che da 25 anni ha svolto esplorazioni speleologiche in tutti i continenti. 

Read 624 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cultura

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]