Martedì, 10 Aprile 2018 11:00

Scienza, il mistero della coscienza e le tecnologie del futuro

Scritto da

È incentrato sulla coscienza il penultimo appuntamento della rassegna a ingresso libero "La Scienza e noi" in programma al Piccolo Eliseo di Roma lunedì 16 aprile.

Protagonista della serata il neuroscienziato Martin Monti, che dirige il laboratorio di ricerca focalizzata su coma e coscienza all'Università della California di Los Angeles (Ucla). Italiano, milanese di nascita, laureato in Bocconi e successivamente Phd a Princeton, Monti ha pubblicato sulle più prestigiose riviste internazionali e viene invitato a parlare nelle più importanti università in tutto il mondo. Con la sua équipe - ricorda una nota - il prof. Monti ha messo a punto una decina di anni fa un test molto innovativo per comprendere quanta capacità cerebrale sussista in pazienti in stato vegetativo e stato di minima coscienza.

Per questo fu invitato nel 2013 a visitare in Israele Ariel Sharon, che dal 2007 si trovava in un grave stato di disordine della coscienza: le sue risonanze magnetiche rivelarono che c'erano segnali di attività cerebrale nel cervello del premier israeliano. Oggi Monti sta lavorando a un ambizioso progetto chiamato Lifu (Low Intensity Focused Ultrasounds), una tecnica rivoluzionaria e non invasiva, per cercare di aiutare a far 'ripartire' il cervello di pazienti in coma, 'massaggiando' con ultrasuoni focalizzati a bassa intensità il talamo, un'area cerebrale cruciale per l'emergere della coscienza. Ne hanno parlato i media in tutto il mondo per le implicazioni non solo mediche, ma anche etiche che ne derivano. La speranza di Monti - prosegue la nota di "La Scienza e noi", ciclo di conferenze BrainForum per parlare del futuro organizzate da BrainCircle Italia - è di arrivare a produrre un apparecchio che possa aiutare le persone in stato vegetativo o di minima coscienza a recuperare qualche livello di facoltà cognitive. Siamo per ora solo ai primi esperimenti, condotti su cinque pazienti con esito interessante, ma è troppo presto per poter trarre conclusioni definitive. Il prof. Monti e la sua équipe stanno reclutando nuovi pazienti e contano di arrivare a 10 casi in due anni. Intervistato da Viviana Kasam, presidente di BrainCircle Italia, il prof. Monti spiegherà a che punto sono oggi gli studi sulla coscienza, una della caratteristiche umane più misteriose, e parlerà del suo lavoro con le persone in coma e delle speranze che la sua ricerca apre. 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Cultura

Opinioni

Un’ora d’aria, anzi di Musica. Il lavoro dei grandi compositori entra in carcere…

Il Coro Gesualdo a Rebibbia: “l’uomo non nasce “stonato” va semplicemente “ri-accordato”, affrancato e confortato” Sono le ore dieci e trenta di un venerdì qualsiasi e alla Casa di Reclusione di...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077