Sabato, 02 Giugno 2018 07:51

A Trento festival dell’intelligenza artificiale

Scritto da

Cosa sa fare e può fare un robot? In che modo sostituisce o è complementare al lavoro umano? Ne hanno parlato, a Trento - nell'ambito del Festival dell'Economia - Roberto Cingolani, fisico, direttore Scientifico dell'Istituto Italiano di Tecnologia - IIT di Genova e Massimo Mazzalai, caporedattore della redazione Rai di Trento.

Con loro anche iCub, Robot androide costruito dall'IIT. "I robot - ha detto Cingolani - fanno cose straordinarie e potranno fare ancora meglio, ma un essere umano sarà sempre più performante". Di sicuro un robot può presentarsi al pubblico e rispondere alle domande dell'intervistatore, anche se con voce un po' meccanica, come ha fatto iCub questo pomeriggio. Se, nonostante film e libri di fantascienza, siamo ancora lontani dall'autocoscienza delle macchine, queste sono già in grado di comprendere domande non troppo complicate e di dare risposte, compiendo anche alcune azioni in autonomia. Notevoli sono le possibilità di sviluppo, partendo soprattutto dalle esigenze umane. Roberto Cingolani ha presentato lo stato dell'arte della robotica e dell'intelligenza artificiale, "Cercando - ha detto - di non essere catastrofista ne eccessivamente ottimista". Si lavora a robot che imitano le radici delle piante, utili per le ricerche, o il movimento degli animali, con la loro capacità di spostarsi in zone impervie, ci sono soprattutto molte applicazioni attuali o prossimamente possibili. Ma non c'è da temere per il primato dell'uomo. "L'evoluzione - ha detto Cingolani - ci ha resi molto più efficienti e performanti rispetto alle macchine, che per ogni operazione hanno un consumo energetico molto alto".

Rendere semplici le cose complesse, ha aggiunto lo scienziato, è la principale caratteristica dell'uomo: le sinergie tra neuroni lo hanno reso efficiente. La macchina invece deve misurare e calcolare ogni parametro per poter agire. Per questo è inarrivabile l'eccletticità dell'esperienza biologica. Non si può dire quindi che le macchine siano intelligenti, sono solo molto performanti. In una società in cui si diffondono molto questi "strumenti" è importante però, è emerso, che ci siano informazione e regole. Sul piano degli effetti della loro diffusione sul mercato del lavoro, Cingolani ha ammesso che nel breve termine il loro impatto sarà a saldo negativo per molti lavori di routine, anche se emergeranno nuove professioni. "Negli ultimi decenni - ha detto Cingolani - le rivoluzioni sono avvenute in tempi medio lunghi e i cittadini non hanno pagato un costo eccessivo al cambiamento. Oggi la velocità dell'innovazione è molto maggiore e convertire il lavoratore richiede un investimento notevole e continuo nella formazione". Una delle applicazioni più attuali e importanti delle nuove tecnologie, è rappresentata dalla protesica e dalla biomeccanica, con effetti molto importanti in campo riabilitativo, a dimostrazione che la robotica può anche essere centrata sull'essere umano e i suoi bisogni.

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

Cultura

Opinioni

Cambiamenti climatici: le soluzioni di Paul Hawken, padre del capitalismo natura…

La coperta delle risorse naturali è corta e il benessere dell’umanità è minacciato dal riscaldamento del clima; per fortuna abbiamo già a portata di mano tutti gli strumenti necessari per...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

La vittoria sulla paura: vincere contro il cancro si può

Sul mare di Bari  al  2° Trofeo Nazionale “LILT di Dragon Boat tenutosi  il 22 e 23 settembre vince l’equipaggio in rosa delle  Pink Butterfly dell’associazione Pagaie Rosa dragon boat...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077