Sabato, 02 Giugno 2018 07:51

A Trento festival dell’intelligenza artificiale

Scritto da

Cosa sa fare e può fare un robot? In che modo sostituisce o è complementare al lavoro umano? Ne hanno parlato, a Trento - nell'ambito del Festival dell'Economia - Roberto Cingolani, fisico, direttore Scientifico dell'Istituto Italiano di Tecnologia - IIT di Genova e Massimo Mazzalai, caporedattore della redazione Rai di Trento.

Con loro anche iCub, Robot androide costruito dall'IIT. "I robot - ha detto Cingolani - fanno cose straordinarie e potranno fare ancora meglio, ma un essere umano sarà sempre più performante". Di sicuro un robot può presentarsi al pubblico e rispondere alle domande dell'intervistatore, anche se con voce un po' meccanica, come ha fatto iCub questo pomeriggio. Se, nonostante film e libri di fantascienza, siamo ancora lontani dall'autocoscienza delle macchine, queste sono già in grado di comprendere domande non troppo complicate e di dare risposte, compiendo anche alcune azioni in autonomia. Notevoli sono le possibilità di sviluppo, partendo soprattutto dalle esigenze umane. Roberto Cingolani ha presentato lo stato dell'arte della robotica e dell'intelligenza artificiale, "Cercando - ha detto - di non essere catastrofista ne eccessivamente ottimista". Si lavora a robot che imitano le radici delle piante, utili per le ricerche, o il movimento degli animali, con la loro capacità di spostarsi in zone impervie, ci sono soprattutto molte applicazioni attuali o prossimamente possibili. Ma non c'è da temere per il primato dell'uomo. "L'evoluzione - ha detto Cingolani - ci ha resi molto più efficienti e performanti rispetto alle macchine, che per ogni operazione hanno un consumo energetico molto alto".

Rendere semplici le cose complesse, ha aggiunto lo scienziato, è la principale caratteristica dell'uomo: le sinergie tra neuroni lo hanno reso efficiente. La macchina invece deve misurare e calcolare ogni parametro per poter agire. Per questo è inarrivabile l'eccletticità dell'esperienza biologica. Non si può dire quindi che le macchine siano intelligenti, sono solo molto performanti. In una società in cui si diffondono molto questi "strumenti" è importante però, è emerso, che ci siano informazione e regole. Sul piano degli effetti della loro diffusione sul mercato del lavoro, Cingolani ha ammesso che nel breve termine il loro impatto sarà a saldo negativo per molti lavori di routine, anche se emergeranno nuove professioni. "Negli ultimi decenni - ha detto Cingolani - le rivoluzioni sono avvenute in tempi medio lunghi e i cittadini non hanno pagato un costo eccessivo al cambiamento. Oggi la velocità dell'innovazione è molto maggiore e convertire il lavoratore richiede un investimento notevole e continuo nella formazione". Una delle applicazioni più attuali e importanti delle nuove tecnologie, è rappresentata dalla protesica e dalla biomeccanica, con effetti molto importanti in campo riabilitativo, a dimostrazione che la robotica può anche essere centrata sull'essere umano e i suoi bisogni.

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Cultura

Opinioni

La Grecia e la sua ammissione tardiva al QE. Due soluzioni possibili

Cominciamo con una precisazione estremamente importante. Il recente annuncio di Mario Draghi riguarda la fine del Quantitative easing da parte della BCE entro la fine di quest’anno. La BCE quindi...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Non solo coaching: Quando guardi ad una situazione a cosa osservi?

Tutti ci siamo trovati in una situazione in cui tutto sembra prendere una direzione chiara a noi stessi, o ad avere una spiegazione per noi logica e ben delineata. In...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077