Venerdì, 15 Giugno 2018 15:56

Contro l’emicrania arriva una nuova molecola contro il dolore

Scritto da

Efficacia molto elevata, zero tossicità e lunga durata di ogni somministrazione. Sono i principali vantaggi di un nuovo farmaco per la prevenzione dell'emicrania episodica e cronica, patologia che in Italia riguarda 5 milioni di persone.

"Si tratta di un anticorpo monoclonale, Fremanezumab, che agisce bloccando l'attività del Cgrp o del recettore Cgrp, la proteina che scatena l'attacco di emicrania - spiega il neurologo e presidente di Anircef (Associazione neurologica italiana per la ricerca sulle cefalee) Fabio Frediani - Bloccando così il dolore in modo duraturo, tanto che si ricorre a un'iniezione al mese, addirittura una ogni tre mesi secondo altri studi". 

"Il confronto con il placebo, che sappiamo essere praticamente acqua - aggiunge Frediani - ha rilevato che la sperimentazione dà più effetti collaterali al placebo che al Fremanezumab". Se n'è parlato al IX Congresso Nazionale di Anircef, 'Le cefalee alla svolta verso il futuro', in corso all'Università Statale di Milano, dove gli esperti sono concordi nel ritenere che dal 1991, quando per la prima volta arrivarono sul mercato i farmaci specifici per gli attacchi di cefalea (i triptani), questo di oggi è un nuovo momento di svolta. Fremanezumab è stato approvato e introdotto nel mercato Usa e a breve dovrebbe arrivare, conclusa la terza fase di sperimentazione, anche in Europa e in Italia, dopo che nel febbraio scorso l'Agenzia Europea del Farmaco (Ema) ha accettato la domanda di autorizzazione all'immissione in commercio della molecola. 

L'emicrania è una patologia neurologica i cui sintomi comprendono forte mal di testa e malessere fisico, che possono ripercuotersi negativamente sulla qualità di vita e sulla produttività di chi ne soffre. "Rispetto alla cefalea, che indica qualsiasi mal di testa, l'emicrania è un tipo di mal di testa caratterizzato da un dolore laterale e sintomi quali nausea, vomito, fastidio alla luce, ai rumori e agli odori", sottolinea Frediani. Con oltre 1 miliardo di persone che ne soffrono nel mondo, l'emicrania è la terza patologia per prevalenza e la sesta malattia più invalidante a livello mondiale. Secondo il più recente studio sui costi delle patologie neurologiche in Europa, l'emicrania ha un costo per l'economia di 18 miliardi di euro l'anno in termini di produttività e giornate di lavoro perse.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Cultura

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]