Martedì, 10 Luglio 2018 14:39

Una speranza dalle alghe geneticamente modificate

Scritto da

Dalle alghe geneticamente modificate (GE) la promessa per produrre cibo, carburanti e altri prodotti a valore senza impattare sull’ambiente.

Grazie all’ingegneria genetica, infatti, gli scienziati possono sviluppare alghe che crescono più velocemente e prevenire batteri mortali. Oppure, possono essere ingegnerizzate per essere più nutrienti, e quindi consumate sia da animali che da persone. Un progetto ardito ancora in divenire e per il quale sono necessari accertamenti soprattutto per quanto riguarda la coltivazione delle GE su larga scala e lungo termine in termini di stabilità dei fenotipi e di eventuali rischi ecologici. A tale proposito, è stato condotto un primo esperimento sancito dall’US Environmental Protection Agency (EPA) con l’obbiettivo di comprendere e monitorare lo sviluppo delle alghe GE nelle coltivazioni all’aperto.

L’acutodesmus dimorphus è stata ingegnerizzata geneticamente attraverso l’aggiunta di due geni – uno per la biosintesi degli acidi grassi e uno per facilitare l’espressione della proteina ricombinante verde fluorescente (GFP). Entrambi i geni e i relativi fenotipi associati sono rimasti inalterati durante i cinquanta giorni di coltivazione all’aperto senza contaminare l’ecosistema nativo.

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Cultura

Opinioni

Un’ora d’aria, anzi di Musica. Il lavoro dei grandi compositori entra in carcere…

Il Coro Gesualdo a Rebibbia: “l’uomo non nasce “stonato” va semplicemente “ri-accordato”, affrancato e confortato” Sono le ore dieci e trenta di un venerdì qualsiasi e alla Casa di Reclusione di...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077