Mercoledì, 12 Settembre 2018 18:09

Intelligenza artificiale entra nel mondo dell'education

Scritto da

L’intelligenza artificiale (Al), dopo aver rivoluzionato su larga scala sanità, finanza, automotive ed e-commerce, ora è pronta a farlo anche nel settore dell’educazione.

Negli Stati Uniti infatti, si prevede che l’AI applicata all’educazione crescerà del 47,5% tra il 2017 e il 2021.L’applicazione più sfruttata è quella finalizzata a capire attraverso la macchina se un ragazzo abbia davvero compreso un argomento in modo da modificare la lezione in caso di necessità,in definitiva a realizzare una carriera scolastica personalizzata che oggi non si riesce a garantire.

Le modalità con cui l’uomo è capace di acquisire conoscenze infatti, sono molto più complesse di quanto si è creduto fino ad ora e “l’intelligenza artificiale è uno strumento potente che permette di aprire “la scatola nera dell’apprendimento” – ha spiegato in un recente saggio Rose Luckin, professoressa di Scienze dell’apprendimento presso l’University College di Londra – fornendo una comprensione profonda e dettagliata di come e quando questo avvenga davvero”.

Inoltre l’applicazione dell’AI su larga scala all’interno delle scuole sarebbe in grado di risolvere il ritardo nella diagnosi di disturbi e disabilità, sia nell’apprendimento sia nell’ambito relazionale.Questa particolare finalità ha trovato promotori anche in Italia : infatti Lifem è un app ideata dal genovese Riccardo Arduino che attraverso l’intelligenza artificiale fa da supporto alle diagnosi.L’app, ancora in fase di sviluppo, si basa su un modello di rete naturale artificiale che rileva in maniera univoca la dislessia, la discalculia e la disgrafia.

Tuttavia,accanto ai vantaggi,come sempre ci sono svantaggi e criticità: infatti più che in ogni altro settore, l’applicazione dell’AI al sistema scolastico ci espone a dei rischi, soprattutto per quanto riguarda privacy e utilizzo dei dati raccolti. Se una macchina è in grado di valutare il processo di apprendimento di uno studente fin da bambino, ovviamente raccoglie anche informazioni sui suoi punti di forza e di debolezza,consentendo allo Stato il controllo dei propri cittadini.E’ quanto sta avvenendo in Cina dove la app ha  trovato sbocco nel  “sistema di credito sociale” in arrivo entro 2020, cioè  l’iniziativa del governo che mira a sviluppare un sistema nazionale che classifica la reputazione dei propri cittadini per valutare a chi concedere o meno di viaggiare verso l’estero, ottenere un mutuo o anche accedere a internet. 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

Cultura

Opinioni

Terzo Congresso Nazionale ISCCA: "THE FUTURE FLOWS"

Il terzo Congresso Nazionale dell’ISCCA (Società Italiana per l’Analisi Citometrica Cellulare) sarà ospitato quest’anno a novembre nella splendida cornice romana, nel centralissimo quartiere Prati, a pochi passi dalla Città del...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Chimica Analitica: innovazione continua a 360 gradi

Ben considerando ed attentamente valutando si può dire che in fondo la chimica, dalle origini e per molti anni, fu fortemente analitica, impegnata nell’acquisizione di conoscenze sul mondo inorganico e...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077