Giovedì, 31 Ottobre 2019 08:27

Dagli alpaca, i nano-anticorpi contro i tumori solidi

Scritto da

Sono originari del Perù, buffi da guardare, mansueti e intelligenti. Se vi state chiedendo cosa c’entrino gli alpaca con il cancro, non vi preoccupate: del resto, anche i ricercatori lo hanno scoperto solo di recente. 

Precisamente nel 1989, quando due studenti scoprirono per puro caso un segreto celato da sempre, forse perché nessuno aveva mai pensato di controllare. Il mammifero sudamericano possiede degli anticorpi “in miniatura: più piccoli dei nostri, possono raggiungere anche i bersagli più ostici. I ricercatori del Boston Children’s Hospital hanno usato i cosiddetti “nano-anticorpi” per superare uno dei grandi limiti delle cellule CAR-T, quello dei tumori solidi.

Molte grandi scoperte avvengono per caso. Se un giorno del 1989, due studenti dell’università di Bruxelles avessero trovato dei campioni di siero umani per un’esercitazione sull’isolamento degli anticorpi, probabilmente non avrebbero dovuto rovistare nel freezer del laboratorio e non si sarebbero imbattuti in sieri congelati di dromedario. E se non fossero stati incuriositi da quei campioni esotici e animati dalla voglia di provare qualcosa di nuovo, non li avrebbero adoperati per la loro esercitazione e non avrebbero mai osservato una specie di anticorpi sconosciuti fino ad allora, insolitamente piccoli. 

Piccoli, ma efficaci

Gli anticorpi tradizionali sono composti da due catene proteiche; quella di dromedario (ma anche di cammelli e alpaca, per l’appunto) possiedono invece una catena sola. Se è vero che le dimensioni contano, più grande non è necessariamente sinonimo di migliore. I piccoli anticorpi sono più “agili” e possono raggiungere posti normalmente preclusi agli altri farmaci. E i ricercatori li hanno snelliti ancora di più in laboratorio, mantenendo solo la parte che interagisce con il bersaglio e chiamandoli “nano-anticorpi”. Ma cosa c’entra tutto questo con il cancro?

 Anche i migliori hanno dei limiti

Le componenti del sistema immunitario, cellule o anticorpi, non riconoscono la cellule tumorale in toto, ma piuttosto una sua porzione, ad esempio una proteina espressa sulla sua superficie. Così funzionano ad esempio le cellule CAR-T, modificate in laboratorio con un recettore che somiglia molto a un anticorpo e le guida al bersaglio designato. Usati con successo contro una varietà di tumori del sangue, i CAR-T non hanno purtroppo ottenuto gli stessi risultati contro i tumori solidi. Le ragioni sono varie: non è semplice identificare proteine espresse solo sul tumore e non sui tessuti sani circostanti, ad esempio. E soprattutto, i tumori solidi sono immersi in una fitta matrice proteica, che li rende fisicamente inaccessibili alla maggior parte delle terapie.

Un’arma per i CAR-T

Così entrano in gioco i nano-anticorpi. Grazie alle loro proprietà, penetrano nei tessuti, districandosi abilmente nella rete di proteine e fattori immunosoppressori che circondano il tumore. Anche il tipo di bersaglio cambia: non più le proteine espresse dalla cellula tumorale, ma quelle che compongono il suo microambiente, come i vasi sanguigni che la riforniscono di nutrienti. Aumentando la permeabilità dei vasi, non solo riduciamo l’afflusso di sangue (e quindi di nutrienti) al tumore, ma lo rendiamo anche più vulnerabile ad altri farmaci. I CAR-T, armati di questi piccoli anticorpi, riescono a colpire i tumori solidi nei loro punti deboli, aprendo una crepa dopo l’altra in quel complesso microambiente che li aveva nascosti al sistema immunitario.

Dopo i risultati promettenti su modelli di melanoma e adenocarcinoma di topo, i ricercatori vorrebbero estendere questa strategia anche ad altri tipi di cancro. E chissà, in futuro anche all’essere umano. 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Cultura

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]