Venerdì, 21 Agosto 2020 09:30

Ricerca. Con l’avanzare dell’età si moltiplicano i rischi del cancro

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Quando i nostri corpi convertono il cibo in energia, producono degli avanzi che si accumulano con l'avanzare dell'età. Una nuova ricerca mostra che uno di questi rifiuti metabolici gioca un ruolo potenzialmente mortale nello sviluppo del cancro 

La scoperta aggiunge una nuova visione sui modi in cui il processo di invecchiamento accelera le nostre possibilità di sviluppare tumori mortali, ma offre anche potenziali vie per bloccare i tumori metastatici. Lo studio, pubblicato sul Journal Nature, è nato dal lavoro sulle metastasi, il processo mediante il quale le cellule tumorali si staccano da un tumore iniziale e da ex nuovi tumori aggredendo altre parti del corpo.

Le osservazioni delle cellule metastatizzate hanno rivelato qualcosa di curioso: ovvero un alto livello di acido metilmalonico (MMA), un sottoprodotto metabolico, che sembra accumularsi con l'avanzare dell'età.

Per esaminare se l'MMA può svolgere un ruolo nelle metastasi, gli scienziati hanno esaminato il comportamento delle cellule tumorali del cancro del polmone e della mammella quando vengono esposte a campioni di sangue prelevati da persone di età pari o inferiore a 30 anni o 60 anni. In 25 dei 30 campioni di sangue di donatori più giovani, le cellule tumorali non hanno mostrato alcun cambiamento, ma in 25 dei 30 campioni di sangue più vecchi, le cellule hanno iniziato a mostrare caratteristiche diverse. Hanno sviluppato infatti una maggiore "capacità migratoria e invasiva", così come la resistenza a due farmaci spesso usati per trattare i tumori.

Quindi come fa l'MMA a indurre questi cambiamenti nelle cellule tumorali? 

La chiave sembra essere in una sorta di riprogrammazione che "accende" un gene chiamato SOX4. Ricerche precedenti hanno dimostrato che SOX4 incoraggia le cellule tumorali a diventare più aggressive e soggette a metastasi.

Per verificare se fosse effettivamente il gene SOX4 ad alterare le qualità delle cellule tumorali, il team ha bloccato l'espressione del gene e ha scoperto che l'MMA non sembrava più avere lo stesso effetto. Il blocco di SOX4 ha anche interrotto il processo mediante il quale le cellule tumorali sono state in grado di resistere a due trattamenti contro il cancro. 

"Questa scoperta è l'inizio di molte indagini in molte direzioni diverse", ha detto John Blenis, professore di farmacologia alla Weill Cornell Medicine di New York, che ha guidato la ricerca.  "Ma la nostra speranza in generale è che saremo in grado alla fine di sviluppare terapie per ridurre i livelli di MMA e quindi ridurre la mortalità per cancro", ha aggiunto Blenis.

Ci sono ancora molte domande senza risposta, incluso il motivo per cui l'MMA si accumula con l'età e se il meccanismo che i ricercatori hanno osservato nei campioni di sangue e nei topi sarebbe lo stesso negli esseri umani. Anche i campioni di sangue utilizzati sono stati tutti prelevati da uomini e tra le strade che Blenis spera di ricercare ulteriormente è se l'accumulo di MMA abbia gli stessi effetti nelle donne.

"È una scoperta nuova e quindi abbiamo ancora molto da fare", ha precisato Blenis.

Tuttavia ci sono già alcuni risultati promettenti i cui i risultati potrebbero influenzare anche il trattamento nei pazienti. L'accumulo di MMA è legato a diete ad alto contenuto proteico, quindi è possibile che una dieta a basso contenuto proteico possa aiutare i malati di cancro a rispondere meglio. In teoria, anche i farmaci che riducono i livelli di MMA potrebbero avere un ruolo da svolgere, riducendo potenzialmente la diffusione aggressiva dei tumori nei pazienti.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Cultura

Opinioni

Arpa Puglia potenzia la sede di Taranto. Inaugurati i nuovi laboratori

Arpa Puglia potenzia la sede di Taranto. Inaugurati i nuovi laboratori

L’edificio sarà anche sede del Polo di Specializzazione Microinquinanti di Arpa Puglia, eccellenza nella determinazione dei composti organici persistenti (POP), e in particolar modo di PCB, diossine e IPA, in...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]