Print this page
Domenica, 30 Agosto 2020 10:13

Una nuova ricerca spiega l'attacco multiplo di SARS-CoV-2 e come si diffonde l'infezione da COVID-19

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Uno studio su un recettore gateway per SARS-CoV-2 condotto da Walter J. Lukiw, PhD, Professore di Neuroscienze, Neurologia e Oftalmologia presso il Centro di eccellenza e scuola di medicina di LSU Health New Orleans, può aiutare a spiegare l'ampia varietà di sintomi e organi coinvolti con l'infezione dal COVID-19.

I risultati suggeriscono che un'infezione multiorgano con SARS-CoV-2 può avvenire tramite il recettore dell'enzima di conversione dell'angiotensina 2 (ACE2), che si trova quasi ovunque in tutto il corpo. I risultati sono pubblicati sulla rivista Cellular and Molecular Neurobiology.

Per comprendere meglio il meccanismo e le vie dell'infezione da SARS-CoV-2 e la suscettibilità a specifici tipi di cellule e tessuti, nonché a sistemi di organi, il team di ricerca ha analizzato 85 tessuti umani per la presenza di recettori ACE2. ACE2 è una proteina che si trova sulla superficie di molti tipi di cellule immunitarie e non immunitarie. Un enzima, fa parte del sistema che regola la pressione sanguigna e l'equilibrio di liquidi ed elettroliti. Può anche aiutare a regolare la funzione cardiovascolare, neurovascolare e renale, nonché la fertilità. I recettori ACE2 agiscono come blocchi sulle cellule e le proteine spike SARS-CoV-2 agiscono come chiavi che aprono le serrature permettendo al virus di entrare nelle cellule per moltiplicarsi rapidamente. Oltre ai controlli, i tessuti testati includevano i tessuti polmonari, digestivi, escretori renali, riproduttivi, oculari e 21 diverse regioni del cervello.

"Oltre alla forte presenza di ACE2 nelle cellule respiratorie, digestive, escretorie renali e riproduttive, un'elevata rilevazione è stata trovata anche nell'amigdala, nella corteccia cerebrale e nel tronco cerebrale", riferisce il dott. Lukiw. “Questo può aiutare a spiegare i deficit cognitivi associati all'infezione da SARS-CoV-2. Alcuni dei più alti livelli di presenza di ACE2 sono stati trovati nel ponte e nel midollo del tronco cerebrale umano, una regione anatomica del cervello contenente i centri respiratori midollari, e questo può in parte spiegare la suscettibilità di molti pazienti con CoV-19 a gravi stress respiratori . "

Il team ha inoltre notato che l'attività del recettore ACE2 è stata rilevata facilmente anche negli occhi, suggerendo che il sistema visivo può fornire un ulteriore punto di ingresso per l'invasione di SARS-CoV-2 e che in determinate condizioni, occhiali o schermi per il viso possono essere importanti quanto il viso maschere per ridurre la trasmissione e l'infezione di SARS-CoV-2.

"Rimangono molte importanti lacune nella ricerca", conclude Lukiw. "Un vero pericolo di infezione da SARS-CoV-2 non è solo la sua natura altamente trasmissibile e contagiosa e la sua letalità, ma anche il suo attacco simultaneo e multiforme su molti tipi di cellule e tessuti umani che coinvolgono respiratori vitali e critici, immunologici, vascolari, rene-escretori e sistemi neurali, nonché un'interruzione coordinata senza precedenti della complessa neurofisiologia, neurochimica, neurobiologia e neurologia delle cellule del cervello e del sistema nervoso centrale (SNC) che normalmente regolano questi molteplici sistemi fisiologici ".

Per approfondire

"SARS-CoV-2 Infectivity and Neurological Targets in the Brain" di Walter J. Lukiw, Aileen Pogue e James M. Hill, 25 agosto 2020, Neurobiologia cellulare e molecolare.

Redazione

Correlati

Ultime da Redazione

Related items