SOCIETA'
Roberto Simeone

Roberto Simeone

Corrispondente da Buenos Aires

 

Alitalia, come Aerolineas, è stata privatizzata due volte. La privatizzazione ha portato per entrambe alla riduzione del personale, delle rotte e della flotta. Nonostante le cure per diminuire i costi, la compagnia argentina è tornata allo stato nel 2009.

Nicolas Maduro vuole la rielezione mentre l’85% delle medicine manca e il 53% delle sale chirurgiche del paese è fuori uso. Assicurano che i medici vivono “contando i morti”.

ROMA - Mercoledì 7 USB, l’Unione Sindacale di Base, ha organizzato un interessante convegno a cui hanno partecipato, tra gli altri, il Prof. Ugo Arrigo, dell’Università Bicocca di Milano e il Prof. Gaetano Intrieri dell’Università Tor Vergata di Roma di cui vi riportiamo per intero i loro approfondimenti sui bilanci Alitalia.

Il biologo francese Nicolas Defarge, ha partecipato ad uno studio europeo sui gravi effetti provocati dal glifosato al fegato e ai reni.

BUENOS AIRES - A poche ore dalla declassificazione di 3000 documenti da parte del Vaticano e dell’Episcopato Argentino, lettere inviate ala Chiesa dai famigliari delle vittime della dittatura durante gli anni di piombo, la titolare delle Abuelas de Plaza de Mayo, Estela de Carlotto, ha festeggiato per la decisione sebbene criticando fortemente il ruolo dei vescovi durante quell’epoca.

Le missive con le richieste di notizie sui desaparecidos per il  momento non saranno di accesso al pubblico ma per uso giudiziario o di famigliari; “La chiesa apparirà con più luci che ombre”, ha anticipato il monsignor José Maria Arancedo.

Negli ospedali mancano guanti sterili, garze e alcol. A questo, si aggiunge la malnutrizione dei bambini.  Criticare la grave crisi umanitaria, però, può costare caro

Mercoledì, 19 Ottobre 2016 18:36

Un medico argentino testimonia contro Monsanto

Il medico e docente universitario argentino, Damian Verzeñassi, ha illustrato la sua testimonianza davanti al Tribunale Monsanto all’Aia, riferendo sulle malattie che colpiscono le popolazioni che abitano nelle aree con coltivazioni transgeniche in 4 provincie argentine.

ROMA - Si sta avvicinando il giorno in cui la multinazionale produttrice di agrochimici Monsanto si troverà davanti ad una Corte internazionale di avvocati e giudici.

Venerdì, 01 Luglio 2016 19:27

Glifosato. L’Europa impari dalla Brexit

Il Brexit ha segnato una data storica per l’Europa.  Sicuramente un salto nel buio per tutti. C’è chi ne sostiene la drammaticità chi, invece, l’opportunità per dare uno scossone a questa europa troppo burocratica e lontana dai suoi cittadini.

Pagina 1 di 4

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Festival di Cannes

Cannes 71. La relatività dei premi

CANNES (nostro inviato) -  Il festival di Cannes è finito, le palme sono state assegnate. Gli autori che si affacciano alla ribalta identificati. Un festival è sempre un momento importante...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Cultura

Opinioni

La Grecia e la sua ammissione tardiva al QE. Due soluzioni possibili

Cominciamo con una precisazione estremamente importante. Il recente annuncio di Mario Draghi riguarda la fine del Quantitative easing da parte della BCE entro la fine di quest’anno. La BCE quindi...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Non solo coaching: Quando guardi ad una situazione a cosa osservi?

Tutti ci siamo trovati in una situazione in cui tutto sembra prendere una direzione chiara a noi stessi, o ad avere una spiegazione per noi logica e ben delineata. In...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077