Blog di Caterina Carbonardi

Mi chiamo Caterina Carbonardi e sono  Life & Business Coach – Associated Certified Coach presso La International Coaching Federation. PIU' INFO

Mercoledì, 21 Settembre 2016 14:25

Coaching: Chi è il vampiro che si nutre della tua energia? Le tolleranze

Scritto da

Il processo di coaching lo possiamo assimilare ad un viaggio di esplorazione verso una vetta che rappresenta il nostro obiettivo. Il percorso che ci porterà sulla vetta scelta ci porterà da uno stato di partenza ad uno stato di arrivo desiderato. 

Il percorso è studiato attraverso un piano di azioni e così come in un percorso in montagna tracciato su una mappa. Ogni passo è una azione che ti fa avanzare verso l’obiettivo.

Come mi preparerò al mio viaggio? 

Osservando la mia preparazione fisica, allenandomi e acquisendo le capacità che mi mancano e sono utili, dotandomi infine della attrezzatura di cui ho bisogno. 

Come in ogni viaggio prepareremo il nostro zaino, e quindi cosa metteremo dentro quello utile al mio viaggio del coaching? 

  • Abilità che ho
  • Capacità che sviluppo
  • Esperienza
  • La mappa del mio progetto (piano di azioni)

E tutto ciò che mi è utile. 

Cosa non metterò nello zaino? Sicuramente non lo riempirò di oggetti inutili, che lo appesantiscano come vere e proprie zavorre.

Sicuramente non metteremo ciò che ci impedisce di procedere, le paure e le credenze interne che ci portano a non avere fiducia nelle nostre capacità, ne abbiamo parlato nell’articolo sul sabotatore che può esistere dentro di noi ( http://www.dazebaonews.it/italia/societa/coaching-cafe/item/41131-non-solo-coaching-il-sabotatore-interno-un-nemico-per-i-nostri-progetti.html  ).

Ma un altro aspetto importante è legato alle situazioni che tolleriamo con fatica ed assorbono la nostra energia, ma che non sono utili nel nostro percorso di sviluppo. 

Chi è il vampiro che succhia la tua energia?

Le tolleranze, definite così da Thomas Leonard (The Portable Coach: 28 Sure-fire Strategies for Business and Personal Success by Thomas J. Leonard ) sono tutte quelli aspetti della nostra vita o che ruotano attorno ad essa, che in ci infastidiscono, ci disturbano e che ci costringono a tollerare situazioni che non vorremmo fossero così ma pensiamo di non esser in grado di affrontarle. L’effetto limitante di questi dissipatori della nostra energia provocano un grande sforzo nel cercare di sostenerle e conviverci,consumando la nostra energia e levando forza utile ai nostri progetti.

Cosa generano? 

Queste situazioni generano dentro di noi sopportazione e rinunce condizionando le nostre scelte. Sono situazioni, abitudini, persone, eventi che non ci piacciono, non ci soddisfano, irritano, infastidiscono, ma che in qualche modo abbiamo deciso di sopportare oppure non ci sentiamo in grado di modificarle.

Queste sopportazioni possono andare da distrazioni piccole o fastidi che provengono dall’esterno limitando e influenzando la nostra esistenza a grandi fonti di frustrazione davvero evidenti ed opprimenti.

Sono le zavorre, attriti frenanti, elastici invisibili che ci tirano indietro e non permettono di avanzare, pesi enormi nel nostro zaino che ci rallentano o impediscono il cammino.

Cosa si può fare in questi casi?

Eliminare dalla tua vita tutte queste fonti di sopportazione, tutte queste fonti di stress, di resistenza e di attrito non necessarie per riappropriarti della tua energia e muoverti più velocemente verso i tuoi sogni.

Accettare quelle che non si possono eliminare, ma limitarne l’effetto bloccante. 

Quale ambito della mia Vita è OK? Quale no?

Cosa mi infastidisce o mi irrita?

Cosa non funziona bene? Cosa non mi piace? Come dovrebbe essere?

Cosa mi sta costando questa tolleranza? Cosa mi è costata finora? E cosa mi costerebbe se la mantenessi?

Diventa consapevole del prezzo che stai pagando nel mantenerle, entra in azione per eliminarne almeno una o la più grande o la più piccola. 

Signore,
che io possa avere la forza di cambiare le cose che posso cambiare,
che io possa avere la pazienza di accettare le cose che non posso cambiare,
e soprattutto l'intelligenza di saperle distinguere.

Cit. attribuita a Tommaso Moro, ma è anche una preghiera che in forma simile si ritrova in molti popoli, per esempio tra gli Indiani d' America.

Caterina Carbonardi

Business Coach – Associated Certified Coach presso International Coaching Federation

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

artemagazine.jpg

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]