Giovedì, 17 Marzo 2016 15:57

Università. Nuove soglie Isee e Ispe. E' solo un primo passo

Scritto da

La Ministra Giannini ha firmato ieri il decreto di aggiornamento delle soglie Isee e Ispe. I valori annunciati sono soglia Isee a 23000 e soglia Ispe a 50000

ROMA - “E’ un importante vittoria degli studenti che quest’anno si sono mobilitati in tutti gli atenei d’Italia - afferma Alberto Campailla, portavoce di LINK - Coordinamento Universitario. Il decreto è arrivato in ritardo ma questa volta ha accolto le istanze degli studenti esclusi che l’anno prossimo potranno nuovamente rientrare al di sotto delle soglie previste per accedere alla borsa di studio. La percentuale di esclusione di quest’anno riguarda il 21 % dei borsisti. Secondo i calcoli del Ministero essi dovranno essere riassorbiti con le nuove soglie.”

“Dopo un anno di proteste finalmente una soluzione a questa emergenza - continua Campailla. Il ritardo però lo abbiamo pagato caro: molti studenti infatti quest’anno non hanno ricevuto la borsa e hanno avuto pesanti difficoltà nel proseguire gli studi. L’attivazione di molte regioni e enti, che si sono dimostrati sensibili al tema, non è stato sufficiente per tutelare tutti coloro che erano stati colpiti dal problema.”

“Questa vittoria è un passo avanti ma non è sicuramente abbastanza - aggiunge il portavoce di LINK - prima di tutto perchè le nostre richieste riguardavano l’abolizione dell’Ispe, parametro superfluo poichè già ricompreso nel calcolo Isee, e soglia minima Isee a 23000, dato che molte regioni hanno ormai una soglia maggiore di tale valore. In secondo luogo, ma non meno importante, vogliamo la copertura totale degli idonei con un fondo statale adeguato al fabbisogno, altrimenti questi sforzi saranno vani.”

“Un aumento delle soglie non ci basta - conclude Campailla - il sistema del diritto allo studio in Italia è ad oggi residuale, solo il 10% degli studenti è esente dalle tasse e solo l’8% ottiene una borsa di studio contro il 19% della Spagna e il 27% della Francia. Per questo facciamo parte del comitato promotore di una nuova legge di iniziativa popolare per il diritto allo studio, un percorso ampio e aperto che vuole riportare questo tema al centro del dibattito pubblico del nostro paese.”

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]