SOCIETA'

ROMA - Che il governo Movimento 5 Stelle-Lega avrebbe osteggiato il gioco d’azzardo era chiaro fin dalle premesse. Che la strada prescelta fosse il proibizionismo non era scontato, ma facilmente prevedibile. Che però la prima mossa stravolgesse completamente non solo il mercato delle scommesse, ma anche quello del lavoro, non era ipotesi auspicabile

Published in Economia

Per il mercato relativo al gioco d’azzardo online si prevede una perdita pari al 21% in seguito alle misure introdotte dal Decreto Dignità. Le principali agenzie online dedicate al gioco come Press Giochi e Agimeg hanno calcolato già la cifra che il divieto di fare pubblicità al gioco causerà ai siti e a chi gestisce questo tipo di realtà.

Published in Società

"Un errore rallentare la mobilità elettrica e ostacolare il biometano”

Published in Società

ROMA - E’ caos dopo il decreto salva banche. la Federconsumatori lancia un allarme preciso: “Continuano a rivolgersi ai nostri sportelli numerosi cittadini, spesso disperati, che all'indomani del salvataggio di Banca delle Marche, Banca Popolare dell'Etruria e del Lazio, Cassa di Risparmio di Ferrara e Cassa di Risparmio della Provincia di Chieti, si sono ritrovati con i propri risparmi azzerati. Con pratiche scorrette, le banche, infatti, avevano indotto i propri clienti ad investire su prodotti finanziari ad alto rischio, tralasciando la necessaria ed opportuna informazione sulla pericolosità di tali investimenti”.

Published in Economia
Giovedì, 09 Luglio 2015 15:18

La ‘Buona scuola’ è diventata legge

ROMA - Dopo mesi di dibattiti e polemiche la riforma della scuola è stata definitivamente approvata dalla Camera con 277 voti a favore e 173 contro. Quattro  sono gli astenuti. Sono invece 39, tra i quali Bersani e Cuperlo, i deputati Pd che non hanno partecipato al voto.

Published in Scuola

ROMA – L’aula del Senato ha approvato in via definitiva, con un voto per alzata di mano, il dl di rilancio del settore agricolo. Il provvedimento, che introduce norme per governare il passaggio graduale dal regime delle quote latte a quello della liberalizzazione, prevede un piano di interventi per il settore olivicolo e contiene misure a sostegno delle imprese colpite da emergenze alluvionali e sanitarie.

Published in Società

ROMA - Della situazione delle scuole pubbliche in Italia si parla solo in occasione di eventi drammatici. Quando si verifica un crollo, ad esempio. Come è successo all'Istituto Nautico Giovanni XXIII di Salerno: al rientro a scuola, due giorni fa, gli alunni hanno trovato che in una delle classi era crollato il solaio (il caso ha voluto che in quel momento in aula non ci fosse nessuno altrimenti le conseguenze sarebbero state tremende). O come a S.Cipirrello, in provincia di Palermo, dove un intero piano si è allagato a causa di una perdita dall'impianto di riscaldamento (avvenuto solo pochi giorni dopo che era stato messa in funzione una nuova caldaia). O come quella dei due insegnanti di una scuola che si sono ammalati entrambi di mesotelioma…

Notizie che a volte richiamano l’attenzione dei media locali. Altre volte non se ne parla nemmeno: del resto sono notizie così comuni che i lettori ci hanno fatto l’abitudine. Sì, perché pare che le famiglie italiane si siano ormai abituate allo stato degli istituti scolastici in cui mandano i propri e siano quasi rassegante. Rassegnate di avere 24mila istituti, su un totale di 41mila, con impianti fuori uso. Più della metà delle scuole presenta gravi carenze strutturali negli impianti elettrici, idraulici o termici. E quando ci sono e sono funzionanti, spesso non rispettano le norme vigenti o sono insufficienti. A dirlo è il Censis nel “Diario della transizione”. Dai dati rilevati emerge una situazione che in nessun altro Paese europeo potrebbe essere considerata accettabile: novemila edifici sono privi di intonaco; in altri 7.200 sarebbe necessario rifare tetti e coperture.

Come mai un simile disastro? In primo luogo perché molti degli edifici destinati all’educazione dei figli degli italiani sono “vecchi”: il 15% degli istituti scolastici italiani è stato costruito prima del 1945, un altro 15% tra il 1945 e il 1960, un altro 44% risale all'epoca 1961-1980.

Ma non è solo questa la causa dello stato di degrado delle scuole italiane. Una parte della colpa, per non dire la maggior parte, è da far ricadere sulle spalle di chi ha gestito la cosa pubblica negli ultimi anni. Pare infatti che per ben 17 anni il Miur non abbia monitorato le scuole in Italia. E se non si sa “ufficialmente” qual è lo stato delle cose, non si possono decidere gli interventi da fare né, tanto meno, stanziare le somme che servono per farli. Sta di fatto che l’ultima riunione dell’Osservatorio pare sia da far risalire addirittura al 1998. Da allora non c'è più stato un organo incaricato dal ministero di monitorare gli edifici scolastici né di fornire il necessario supporto nella programmazione e attuazione degli interventi sulle scuole.

Fino ad oggi si è andati avanti a colpi di emergenze (dopo il crollo di una scuola o dopo che un terremoto aveva lasciato danni che non era possibile far finta di non vedere). Ma anche a colpi di rinvii. Il famoso decreto "milleproroghe", ha prorogato la scadenza entro cui gli enti locali dovevano affidare i lavori di messa in sicurezza e riqualificazione degli edifici, per poter beneficiare dei finanziamenti statali previsti da “decreto del Fare” (DL n. 69/2013). Cifra peraltro (150 milioni di Euro) assolutamente insufficiente a far fronte allo stato di degrado in cui si trova la maggior parte degli immobili scolastici.

Intanto, alunni, insegnati e operatori scolastici continueranno ad operare in ambienti “pericolosi”: solo nel 2014, sono stati almeno quaranta gli episodi "a rischio" nelle scuole italiane dovuti a scarsa manutenzione o simili. A dirlo è Adriana Bizzarri, responsabile scuola di Cittadinanzattiva Onlus che da dodici anni monitora il territorio: "Nel ‘96, dopo la legge Masini che istituiva l'osservatorio venivano previsti finanziamenti e criteri per distribuire fondi ma c'era alla base l'idea di individuare le situazioni più gravi e farne una mappatura oggettiva per capire l'entità dei finanziamenti”. Poi, però, i governi che si sono succeduti hanno operato in modo discontinuo e a volte contraddittorio. Risultato: mancanza di fondi per coprire le spese. Al punto che alcuni comuni e province hanno dovuto sottoscrivere mutui per l'acquisto o la manutenzione degli edifici scolastici. Mutui che poi non sono stati confermati negli anni successivi.

Senza parlare del rischio amianto che pende su molte scuole come una spada di Damocle: sebbene non se ne parli, nel Bel Paese sarebbero almeno 2mila e 400 (ma, secondo Adriana Bizzarri, potrebbero essere molte di più) le scuole dove sussiste il rischio amianto. Amianto che andrebbe rimosso o, almeno, messo in sicurezza prima che possa lasciare un segno sulla salute degli alunni e di tutti quelli che passano molte ore al giorno in quei locali. In Toscana, ad esempio, sono passati più di sette anni dall’ultimo censimento Arpa eppure, solo a Pistoia, erano stati individuati diversi siti a rischio a causa dell’amianto (e, tra questi, alcune scuole come nel caso del prefabbricato della scuola Cino). E anche quando i fondi sono stati stanziati (come nel caso del comune di Milano che ha stanziato lo scorso anno 34.650.000 di Euro per la bonifica dell’amianto in 84 scuole), i lavori procedono a rilento. Tanto che, proprio a causa dei ritardi, nel 2013 la procura aprì un inchiesta. Intanto in due insegnanti sono stati riscontrati sintomi di malattie legate all’amianto (mesotelioma).

Amianto che non si sa nemmeno da dove provenga: pare, infatti, che l’Italia abbia ha importato solo nel 2012 (ma le importazioni sono proseguite a tutto il 2014) ingenti quantità di amianto dall’India (addirittura è stato il maggiore importatore con 1040 tonnellate come sarebbe stato confermato dall’Agenzia delle Dogane). La cosa strana è che, in Italia, una legge la n.257 del 27 marzo 1992, vieta “l’estrazione, l’importazione, l’esportazione la commercializzazione di amianto di prodotti di o contenenti amianto”…

Ma di questo, come dello stato delle scuole, nessuno parla …

 

Published in Scuola

ROMA - Nei giorni scorsi molti media si sono accaniti sulla notizia del volo di Renzi e famiglia in giro per metà dell’Italia e poi a Courmayer per le vacanze.  

Published in Il punto

ROMA - Il Consiglio dei Ministri ha approvato due decreti legge per la determinazione dei criteri di privatizzazione e delle modalità di alienazione della partecipazione detenuta dal Ministero dell'economia e delle finanze nel capitale di Poste (che assicura 26 miliardi di ricavi annui) e Enav (Ente nazionale assistenza al volo).

Published in Economia

ROMA - Sarebbero dovuti sparire definitivamente oggi, 1 aprile 2014, gli Opg, ovvero gli Ospedali Psichiatrici giudiziari, secondo quanto previsto dal  decreto legge del 25 marzo 2013.

Published in Società
Pagina 1 di 3

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Festival di Cannes

Cannes 71. Il 25 ottobre esce “Angel face”. Recensione

“Angel Face” ha debuttato al Festival di Cannes 2018 nella sezione Un Certain Regard, dedicata alle migliori novità dei giovani autori e il 25 ottobre arriverà nelle sale italiane.

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Cultura

Opinioni

La “bella guagliona” di Bolzano che merita “Otto e mezzo”

La Sette è riconosciuta come il terzo polo televisivo italiano nel campo generalista. Il successo che le sta arridendo non è dovuto a programmi di facile ascolto e di resa...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

C’è un’alternativa nel trattamento dei rifiuti di cui non parla nessuno

Si tratta della la gassificazione al plasma, ovvero “del plasma o assistita dal plasma”, che può essere utilizzata per convertire materiali contenenti carbonio in gas di sintesi per generare energia...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077