Venerdì, 08 Giugno 2012 14:23

Euro 2012. Contropiede impazzisco per te: ecco come Prandelli affronterà la Spagna

Scritto da

E’ ‘contropiede’ la parola d’ordine per la prima eurosfida dell’Italia di Prandelli contro la Spagna.

Necessariamente, si fa ricorso alla tradizione, alla tattica nobile e spettacolare che ha portato la Nazionale italiana a vincere 4 campionati del mondo e 1 europeo e i nostri club a fare incetta di Coppe. Contro la Spagna dei palleggiatori, del ‘tichi-taca taca-tichi’, del torello infinito e sfiancante, serviranno velocità, concretezza, tanta corsa e giocate dai piedi buoni. Prandelli lo sa. Sa che contro i campioni del mondo potrebbe andare bene anche un pareggio, per poi giocarsi tutto con la Croazia; e, mentre sbandiera in conferenza stampa parole come “gioco moderno”, “possesso palla” e “mentalità offensiva”, prepara un’Italia che giocherà in stile Bearzot. Altri tempi ma, si spera, stessa concretezza.

DE ROSSI LIBERO – L’infortunio di Barzagli ha sconvolto i piani del ct, che sperava di riproporre la difesa della Juventus. Ogbonna è troppo acerbo per affiancarlo a Chiellini e a un incerto Bonucci e di difensori puri non ce ne sono più. E allora ecco la pazza idea. Se le indiscrezioni sulla formazione dovessero essere confermate, Daniele De Rossi sarà arretrato in difesa, senza compiti di marcatura ma con un’unica grande mansione: raddoppiare e disimpegnare per i centrocampisti. A bloccare i vari Iniesta, Llorente, Fabregas e Xavi ci penseranno gli altri, su tutti Chiellini, Bonucci, i terzini Maggio e Giaccherini e gli incontristi Thiago Motta e Marchisio. L’importante sarà pressare a tutto campo, far mancare il fiato ai palleggiatori e mettere in difficoltà i ‘ragionieri’ delle furie rosse.

PALLA A PIRLO – Una volta recuperata palla, sarà il momento di scatenare l’inferno, scuotere il lento flusso orizzontare dei rossi e correre il più veloce possibile verso la porta. Non tutti, però. Solo chi è deputato a farlo, ovvero gli attaccanti, uno dei terzini e uno degli incontristi. Ecco un’azione tipo: la difesa azzurra recupera palla, che viene ceduta velocemente a Pirlo fermo a trequarti campo; con Balotelli già in avanti e Cassano a rimorchio, schizza via anche uno fra Maggio e Giaccherini: sta al pivot bianconero la decisione di chi servire, magari proprio il terzino che per l’occasione diventa ala ed è pronto a mettere in condizione uno degli attaccanti di segnare.

BASTA IL PARI – Facile a dirsi. Ma a farsi? La Spagna è favorita, non c’è dubbio. Ma se c’è una bestia nera per le furie rosse, quella è l’Italia. E non è cabala, ma semplice tattica. Gli Azzurri di Donadoni, a Euro 2008, bloccarono sullo 0-0 i futuri campioni d’Europa e del mondo e furono costretti a uscire solo ai rigori, mentre il Barcellona (sulla cui ossatura è stata formata la seleciòn di Del Bosque) su quattro Champions ne ha perse due, contro l’Inter di Mourinho e contro il Chelsea del nostro Di Matteo. Giocando sempre alla stessa maniera: poco possesso palla ma tanto pressing e concretezza. Se Buffon e compagni riusciranno a strappare anche un pareggio alla Spagna, poi si potrà puntare tutto contro la Croazia (quella sì, nostra bestia nera) e magari arrivare al confronto con la rognosa Irlanda di Trapattoni con a disposizione almeno due risultati su tre.

SI LAVORA TATTICAMENTE – Intanto a Cracovia, Prandelli inizia ad avvantaggiarsi il lavoro per le sfide successive, tenendo le ‘porte chiuse’ le lezioni per anti-Spagna. Stamattina il ct ha schierato con le pettorine gialle un 4-3-1-2 con Sirigu in porta, Maggio, Bonucci, Chiellini e Balzaretti in difesa, a centrocampo Thiago Motta, Nocerino e Marchisio con Diamanti alle spalle della coppia Giovinco-Di Natale ma pronto a spostarsi sulla destra come attaccante esterno. In blu, dall'altra parte, inedito 3-4-3 con Buffon tra i pali, Astori, De Rossi e Ogbonna a comporre il trio difensivo, in mezzo al campo Pirlo e Montolivo con Abate e Giaccherini esterni, tridente formato da Borini, Cassano e Balotelli. Nei 45 minuti di allenamento concessi alla stampa (Prandelli ha 'regalato' mezz'ora in piu' rispetto al previsto), la partitella disputata dagli azzurri ha visto i gialli rifilare tre reti ai blu con la doppietta di Di Natale (uno su rigore) e il gol di Marchisio. La partitella è poi proseguita a porte chiuse.

Correlati

Cerca nel sito

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

A Lamezia Terme nasce la Fondazione Dulbecco per lo studio e la produzione di anticorpi monoclonali di pronectine 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Scuola. La supremazia del banco

Scuola. La supremazia del banco

Bando europeo pubblicato, gara avviata, in attesa di aggiudicazione. In palio migliaia di banchi monoposto per una serena ripartenza delle scuole a settembre. Il dibattito pubblico intorno alla scuola ai tempi...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]