Giovedì, 14 Giugno 2012 20:07

Euro 2012. Un peccato, Italia-Croazia finisce 1-1

Scritto da
Pirlo, autore del momentaneo vantaggio Pirlo, autore del momentaneo vantaggio

ROMA - Termina 1-1 Italia-Croazia, secondo match degli azzurri ad Euro 2012. Ancora una volta in vantaggio, come contro la Spagna, e ancora una volta raggiunti

 

Partita vibrante ed intensa. Primo tempo abbastanza combattuto, muscolare, ne sa qualcosa il piccolo Giaccherini.

PRIMO TEMPO – Occasioni da entrambe le parti ma sono gli uomini di Prandelli a rendersi più pericolosi. Il preludio al vantaggio azzurro è rappresentato dalla doppia conclusione ravvicinata di Marchisio che viene stoppato dal portiere croato. Passano un paio di minuti e l'Italia si porta in vantaggio al 39' con una splendida esecuzione di Andrea Pirlo su calcio di punizione. É pennellata la parabola che disegna il fantasista azzurro che termina la sua corsa nell'angolino in basso alla destra di Pletikosa.

SECONDO TEMPO – Sempre ad alta tensione. Gli azzurri tirano maggiormente da fuori area. Balotelli, come nel primo tempo, è quello che ci prova di più calciando, praticamente, da fermo.

La Croazia non demorde e inizia ad essere più incisiva.

Prandelli prova a dare nuova linfa inserendo prima Montolivo, al posto di T. Motta, e poi il cecchino Di Natale al posto di un Balotelli non ancora all'altezza di quello che conosciamo.

A centrocampo c'è un bel da fare e i nostri iniziano ad accusare un po' di stanchezza.

Al 72', Chiellini pensa più a prendere il pallone che a guardare il suo avversario. Purtroppo la palla giunge proprio a Mandzukic che sotto porta non fallisce e realizza la rete del pareggio.

Tutto da rifare. All'83', Prandelli tenta l'ultima carta per rivitalizzare l'attacco. Dentro la 'formica atomica' Giovinco, fuori uno stanco Cassano.

I croati continuano ad essere molto aggressivi e i nostri subiscono questo atteggiamento.

È sempre, comunque, l'Italia a cercare di fare la partita ma la Croazia è squadra tosta e ci fa soffrire non poco. Ancora tanta intensità ma alla fine il risultato rimane invariato, fermo sull'1-1.

PRANDELLI  “Peccato, la squadra c'è, era un'occasione, abbiamo rischiato pochissimo. Un po' di cattiveria e un po' di energia in più. Dobbiamo continuare a crederci”, il pensiero a caldo di Prandelli ai microfoni della RAI.

Per l'Italia è il secondo pareggio che significa due punti in classifica. Ora dobbiamo sperare che l'Irlanda non perda con la Spagna.

 

Paolo Natale

Giornalista pubblicista

Collaboratore per Book Moda Magazine

Collaboratore per Top Time Magazine

Dottore in Scienze della Comunicazione

www.dazebaonews.it

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]