Venerdì, 15 Giugno 2012 12:05

Italia-Croazia: le nostre PAGELLE

Scritto da

Un altro 1-1, ma stavolta l’umore è totalmente diverso. L’Italia rischia seriamente l’eliminazione dall’Europeo, in seguito a una gara giocata male, soprattutto nel secondo tempo. Ecco le nostre pagelle.

BUFFON – 6

Non viene impegnato più di tanto e comanda la difesa a suo modo. Sul gol di Mandzukic non poteva fare molto altro, l’errore non è il suo.

BONUCCI – 6

Il suo lo fa e anche bene. Tiene a bada gli attaccanti croati e riparte palla al piede, fornendo anche un bell’assist per Cassano.

DE ROSSI – 6.5

Da libero, fa il massimo in un ruolo per lui inedito: difende e costruisce egregiamente l’azione. Ma è uno dei centrocampisti più forti del mondo e, se Prandelli se lo ricordasse, potrebbe essere l’arma in più.

CHIELLINI – 5

Per quasi 90’ è il solito muro difensivo azzurro, ma quei pochi secondi di follia rischiano di mandarci a casa. Su Mandzukic ha sbagliato tutto ciò che si poteva sbagliare.

MAGGIO – 5.5

Va bene finché la Croazia gioca con il 4-4-2 classico, poi Bilic cambia modulo e lui va in sofferenza. E’ un fatto: 90’ così sulla fascia non li regge.

GIACCHERINI – 5

Contro la Spagna, il grande sacrificio messo in campo aveva nascosto le lacune. Contro la Croazia, abbiamo capito perché nella Juve ha giocato solo 9 volte titolare. Non difende, né attacca.

PIRLO – 7.5

E’ un fuoriclasse, e nella Nazionale della normalità svetta su tutti. Segna, difende, suggerisce e tiene in piedi la baracca. Ah, e stravince il confronto con Modric. Perché c’era confronto?

MARCHISIO – 6

Buona prova a centrocampo, specialmente nel primo tempo dove trova gli inserimenti per poi ciccare sotto porta. Cala alla distanza come tutta la squadra.

MOTTA – 6

Anche lui, come Marchisio, lotta e si propone, tiene palla ed è fondamentale in fase d’impostazione, anche se risulta un po’ lento. Se deve uscire, meglio per un incontrista come Nocerino.

CASSANO - 6

In conferenza stampa l’aveva detto: “Ho meno di 70’ nelle gambe”. Prandelli invece gliene concede quasi 80’, ma al 60’ è già stremato. Finché è in partita, dispensa assist e si rende pericoloso, ma la disposizione tattica lo penalizza.

BALOTELLI – 6

Contro la Spagna era stato irritante, stavolta il suo lavoro lo fa. Mario è così: difende palla, allarga le difese e fa del gran tiro un suo punto di forza. Ma soprattutto, gioca da fermo. E’ una sua caratteristica, prendere o lasciare.

DI NATALE – 6

Entra che l’Italia è già in iperventilazione. Ingiusto sanzionare con il fuorigioco il suo scatto sulla linea di centrocampo. Contro i ‘rugbisti’ irlandesi, meriterebbe qualche minuto in più.

MONTOLIVO – 5.5

Quando è entrato ha messo impegno e pure un bel tiro in porta. Ma resta un oggetto estraneo al gioco, nonostante sia stato praticamente sempre convocato da Prandelli. Subentra a Thiago Motta e l’Italia perde in possesso palla ma non acquista in carattere.

GIOVINCO – S.V.

Per lui, pochi minuti e per giunta sfortunati.

PRANDELLI – 4

Con la Spagna aveva capito tutto, qui non c’ha capito niente. Sbaglia la formazione, sbaglia il modulo e sbaglia anche i cambi. Nemmeno Nereo Rocco avrebbe giocato con 5 difensori contro la Croazia e quando c’è da provare a vincere non ha il coraggio di inserire Giovinco al posto di un centrocampista; al contrario prosegue nella patetica staffetta con Cassano. Il culmine lo raggiunge con l’inserimento di Montolivo, perno della Fiorentina quasi in B. Contro l’Eire servono solo i tre punti, possibilmente segnando tanto: possiamo sperare in un atteggiamento un po’ più spregiudicato?

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]