Domenica, 16 Dicembre 2012 15:15

Calcio.Serie A:Lazio in volo, 1-0 contro l'Inter

Scritto da

ROMA - I biancocelesti si aggiudicano il big match della 17^ di A.

PRIMO TEMPO DELUDENTE - Doveva essere una partita spettacolare, ma lo spettacolo di un match che prometteva tanto si è fatto attendere per circa un'ora. Un primo tempo che è trascorso senza grandi emozioni che ha visto la squadra di Petkovic esercitare un maggior possesso palla ma che solo in due occasioni, senza tra l'latro un eccessivo pericolo, si è avvicinata alla porta difesa da Handanovic. Più Lazio che Inter che ha pensato solo a contenere e ad imbrigliare le folate offensive avversarie e che solo una volta si è portata in avanti con una certa convinzione. Insomma, un primo tempo degno dello 0-0 che lo ha contrassegnato con i due bomber, Klose e Milito, piuttosto innocui.

SECONDO TEMPO SCOPPIETTANTE - Il secondo tempo è iniziato sugli stessi ritmi del primo, ma ad un certo punto, Stramaccioni ha ridisegnato la sua squadra ed è passato ad un 4-4-2 più concreto e più offensivo nell'atteggiamento. E' soprattutto dalla fascia sinistra che arrivano i pericoli maggiori per la retroguardia biancoceleste. Prima un palo pieno di Guarin, poi un altro di Cassano che, sempre sulla sinistra, dialoga a meraviglia con Nagatomo. Due occasioni perse che l'Inter paga amaramente. Nel suo momento migliore e di maggior pressione sulla Lazio, ecco la zampata del campione. Su un passaggio smarcante di Mauri, Klose legge alla perfezione il movimento e con la classe che lo caratterizza, incrocia e mette nell'angolino il pallone che vale i tre punti per la Lazio, ora a un solo punto dai nerazzurri. Polemiche da parte interista perchè l'azione del gol nasce da un'azione interrotta per fallo in attacco di Milito su Biava che aveva visto, nel prosieguo dell'azione stessa, Cassano solo a tu per tu con Marchetti. I nerazzurri reclamano anche per una vistosa trattenuta in area di rigore di Ciani su Ranocchia, ma l'arbitro non l'ha ravvisato.

Stramaccioni se ne ritorna a Milano con l'amaro in bocca, da una possibile vittoria, ad una sconfitta certa. Dopo la cavalcata delle 10 vittorie consecutive in trasferta, ora sono arrivati alla terza sconfitta di fila fuori dal San Siro. Lo stesso tecnico ha affermato che ''bisogna essere più forti degli episodi sfortunati'' alludendo sia ai pali colpiti, sia agli episodi arbitrali contrari.

Petkovic, invece, non può fare altro che sorridere. La sua Lazio continua a volare alta. Una squadra compatta, di qualità e di quantità che però è sempre sulla lama di un rasoio visto che può contare solo sugli undici titolari per rimanere ad altissimi livelli. E su tutti, spiccano, oltre al solito Klose, un Mauri in grande spolvero e un Ledesma autentico faro della manovra biancoceleste.

Paolo Natale

Giornalista pubblicista

Collaboratore per Book Moda Magazine

Collaboratore per Top Time Magazine

Dottore in Scienze della Comunicazione

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]