Lunedì, 29 Aprile 2013 15:03

Juve e Napoli, botta e risposta. Conferma Roma, delusione Lazio

Scritto da

ROMA -  Il derby è sempre il derby e non sempre la differenza delle forze in campo si esprime subito e palesemente. Ne sa qualcosa  la capolista Juve che, per domare il Toro, ha dovuto attendere gli ultimissimi minuti (86’) per andare in vantaggio e il recupero (92’) per chiudere la partita. 

Alla fine, secondo le previsioni, i bianconeri ce l’hanno fatta ma, essendo  il Napoli, come previsto, passato a Pescara, il vantaggio è rimasto invariato. Ma per la Juve va bene così, perché con un’altra giornata in meno, lo scudetto è sempre più vicino.

Napoli, ordinaria amministrazione….                                                                                                                                                                

Vado, conquisto i tre punti e torno. In assoluta tranquillità, senza assilli di sorta, gli uomini di Mazzarri hanno vinto a Pescara con un rotondo 3-0, dimostrando ampiamente di non essere   Cavani dipendenti; e questo è importante anche in vista di eventuali assetti futuri, in caso di cessione milionaria del bomber sudamericano, secondo voci sempre più insistenti.  Il Napoli è la squadra forse più serena del momento, dovendo limitarsi solo a gestire bene il vantaggio accumulato per un posto sicuro e diretto in Champions. Poi si potrà anche chiarire la posizione di Mazzarri il quale, ancora una volta, ha confermato che, “per quanto riguarda il suo futuro, a fine campionato, dirà tutto”.

Milan, a tratti splendido ma che fatica !

Forse il Milan più bello della stagione fa una fatica immane per avere ragione di un Catania che, più per demeriti avversari che per meriti propri, approfitta di un paio di svarioni difensivi rossoneri e finisce per incutere un timore insolito.  La svolta della partita, però, si è avuta solo con l’ingresso di Pazzini, il quale, in pochi minuti, con una doppietta delle sue, da vero rapinatore d’area, ha capovolto un risultato che, per ben due volte, aveva visto il Catania in vantaggio.   In casa rossonera, in serata, si è tirato un sospirone di sollievo, rispondendo, così, adeguatamente,   alla Fiorentina vittoriosa nel pomeriggio a Genova, e alle critiche di Berlusconi nei confronti di Allegri, virtualmente sostituito da Seedorf per la prossima stagione.

Fiorentina, conferma alla grande e da grande.                                                                                                                                                   

La Viola è ormai lanciatissima nell’inseguimento al Milan e, quindi, all’ambitissimo terzo posto.  Con un perentorio   3-0 gli uomini di Montella hanno disintegrato la Sampdoria a Marassi,  sorpassando, seppure solo per qualche ora, i rivali rossoneri.  Per il terzo posto Champions, la sfida si presenta appassionante e  nessuna delle due potrà permettersi passi falsi;  e, per fortuna che la Roma s’è svegliata tardi…..

Che Roma con un Osvaldo tris !                                                                                                                                                                                        

La Roma ha letteralmente annientato un Siena (4-0) grazie ad una tripletta di un ritrovato, felicemente redivivo  Osvaldo il quale, insieme ad un Lamela super, fa mordere le dita per le tante occasioni sciupate nei mesi scorsi.  Ma tant’è…..meglio tardi che mai. Ora, seppure a sei punti  dal terzo posto,  dovrebbe essersi rinsaldata la posizione in Europa League e il finale di campionato dovrebbe, se non altro, offrire ai tifosi qualche soddisfazione in più…In attesa del derby fratricida.

Inter, siamo alle solite, di male in peggio.                                                                                                                                              

“Abbiamo messo in campo tutto quello che avevamo” ha candidamente dichiarato il buon Stramaccioni al 90’ e forse aveva ragione.  Da questa Inter, decimata dalle assenze ma anche, e forse soprattutto, nella qualità di coloro che vanno in campo, non ci si poteva attendere di più e il Palermo ne ha approfittato per vincere col minimo scarto.  Ed ora che pure l’indomito Zanetti è stato  fermato, forse per sempre (ma ci auguriamo di no) da un gravissimo infortunio, la speranza di entrare in Europa diventa ancora più difficile, visto che le più dirette e vicine concorrenti (Fiorentina, Roma e Udinese) marciano a mille.

 Lazio, che delusione, l’ennesima !

 

Continua a penare la compagine di Lotito, reduce da un pareggio a reti bianche, incolore non solo nel risultato ma, soprattutto, nel gioco.  I biancazzurri non accennano a risollevarsi e, in questa giornata, perdono ulteriore  terreno nei confronti delle dirette avversarie.  A quattro domeniche dalla conclusione, appare alquanto  difficoltoso per i laziali acquisire un posto al sole, vista la folta concorrenza degli aspiranti.. Certo, rimane sempre il derby di Coppa Italia per raddrizzare un’annata, iniziata alla grande ed incanalata in un vicolo cieco.

 Al centro classifica, scoppiettante Udinese                                                                

 

Quasi scontato il pari fra Atalanta e Bologna. Ennesima, bella,  conferma dell’Udinese che, vincendo fuoricasa (ma quasi in casa propria, a Trieste)….in casa dell’errante Cagliari, ha fatto sapere a tutti di essere bellamente in lizza per un posto nell’Europa League, dopo un avvio stentato. Le più famose concorrenti sono avvisate.

 Coda in continua evoluzione                                                                                                                                                                                

 

Stavolta nel trio di coda dal quale estrarre le due retrocedende che accompagneranno il Pescara, è toccato a Palermo e Genoa vincere, sorpassando il Siena. I siciliani, in particolare, hanno colto tre punti preziosissimi, riappacificandosi col pubblico amico e mantenendosi sempre in coppia col Genoa che è andato a vincere a Verona, grazie ad una rete di Borriello,  sul Chievo. In quest’area calda della classifica, è, ormai, un continuo rincorrersi fra le squadre interessate e, intanto, la parte soprastante si fa sempre più vicina: ora è il Torino, a quattro punti, a dover temere d’essere risucchiato nella mischia e, visto che domenica prossima i granata dovranno andare a far visita ad un affamato Milan, l’atmosfera si presenta molto infuocata ed appetibile per Palermo e Genoa.  Per il Siena, staccato di due punti e anche per un calendario alquanto ostico,  al momento, la situazione appare piuttosto problematica.  Ma solo al momento, perché, come anzidetto, da una giornata all’altra i colpi di scena non mancano, quindi c’è da aspettarsi di tutto, anche i più sorprendenti capovolgimenti di fronte.  

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]