Venerdì, 07 Febbraio 2014 14:59

La Juve a Verona, Roma impegno derby

Scritto da

Juve in attesa di buone nuove da Roma...

Il clou della domenica è rappresentato dal derby della capitale, dal quale la Juve attende eventuali buone notizie per consolidare l'attuale vantaggio di nove punti sulla Roma, la quale, però, dovrà recuperare la partita interrotta per pioggia con il Parma.  Ma  per la capolista non c'è nulla di scontato perché  dovrà vedersela al Bentegodi con un Verona rigenerato,  dopo tre sconfitte, dalla vittoria in casa del Sassuolo: massima attenzione ma anche piena volontà di tornare a casa con i tre punti, come Conte ha ben ribadito in settimana. L'unica novità per la Juve, il nuovo acquisto Osvaldo che sarà in panchina.   

Il derby del cupolone                                                                                                                                             

I motivi, al di là di quelli, soliti,  campanilistici,  per assegnare a questa partita la palma di maggior interesse della giornata sono tanti e vari. Per  la Roma, innanzitutto, c'è la necessità dei tre punti per non perdere ulteriore  terreno dalla Juve, trovatasi inopinatamente a nove punti per colpa o merito di Giove Pluvio che nelle ultime settimane ha imperversato sulla città eterna. Va bene che col Parma si dovrà recuperare e ci sarà tempo per riavvicinarsi, però, intanto, la Juve è più lontana....L'undici di Garcia, reduce da una bella quanto faticosa prestazione infrasettimanale di coppa Italia, dovrà confermare il buon momento attraversato per poter continuare ad essere l'unico riferimento per mantenere ancora in gioco la questione scudetto. La strepitosa forma di alcuni elementi lascerebbe ben sperare, anche se la Roma gioca in casa Lazio, nella quale le motivazioni, anche se differenti, non mancano. La vittoria esterna col Chievo solo fino ad un certo punto ha placato le contestazioni della tifoseria biancazzurra  per il  deludente  mercato riparatore, peraltro, aggravato dalla cessione di Hernanes per la quale Lotito è stato telefonicamente assediato e pure  minacciato.  Ma Edy Reja non appare sfiorato da questo clima alquanto incandescente e va avanti per la sua strada fatta di poche chiacchiere e molta concretezza. L'uscita dalla coppa Italia non ha inficiato il cammino in campionato e il derby sarebbe l'occasione più favorevole per far tornare il sereno ma, con la Roma attuale, non sarà facile.  Proprio per questa incertezza di risultato e di conseguenze, persino un pareggio creerebbe malcontento, sarà, quindi,  un derby da seguire con molto interesse.

Napoli-Milan, difficile per entrambe                                                                                                         

Il Napoli,  che non vince da un mese ed è reduce da due sconfitte, una dolorosissima con l'Atalanta e l'altra di coppa con la Roma in parte attenuata dalla reazione, è chiamato ad un doppio chiarimento, al proprio interno come squadra e verso l'esterno con i propri tifosi, ormai spazientiti e delusi. Dopo le ultime scelte e i conseguenti, negativi,  risultati, anche lo stesso Benitez non appare più convincente come nella fase iniziale, da qui la necessità di fare assolutamente risultato per  scacciare tutti i dubbi di sorta.   Il Milan, da parte sua, con l'avvento di Seedeorf, ancora non è riuscito a darsi una nuova identità e i risultati sin qui conseguiti sono apparsi striminziti e legati più  a qualche genio estemporaneo  che ad un assieme di squadra; assemblare una rosa nello stesso tempo sbilanciata e risicata non sarà facile per il neo allenatore.  L'impegno di Napoli  di sabato sera sarà un primo banco di prova con molti significati sia per Seedorf  che per i rossoneri. 

Fiorentina, solo vincere                                                                                                                                          

Dopo un  pareggio e due sconfitte, di cui una nella semifinale di andata coppa Italia a Udine, alla Fiorentina serve il ritorno al successo se vuole puntare al terzo posto e tenere a bada gli inseguitori; con la ritrovata Atalanta, nell'anticipo di sabato in casa,  non sarà facile ma l'undici viola ha il dovere di dare il massimo per riuscire nell'intento. 

Inter, questa è l'occasione..                                                                                                                        

L'Inter, nel posticipo di  domenica sera, ospita, a s. Siro, il Sassuolo, reduce da tre sconfitte, e collocato al penultimo posto; se gli uomini di Mazzarri, che non vincono da prima di Natale, non dovessero riuscirci neppure adesso  con il rientro di Guarin e l'esordio di Hernanes, sarebbe crisi a tutti gli effetti.  

Torino e Parma, turni abbordabili                                                                                                                     

Per Torino e Parma, entrambi aspiranti al treno europeo, due partite casalinghe da tre punti, rispettivamente con Bologna e Catania, ossia con due avversarie impelagate più che mai in zona retrocessione, con la prima anche sotto contestazione da parte dei tifosi e con tanti problemi societari, il tutto aggravato con la recente cessione di Diamanti, l'uomo migliore, alla squadra cinese di Lippi.  

Torino e Parma cercheranno di sfruttare, però, innanzitutto il loro momento favorevole per continuare la salita verso l'alto e, almeno sulla carta, dovrebbero riuscirci. 

Zona tranquillità                                                                                                                                          

Delle due genovesi, appaiate in zone relativamente tranquille, il Genoa andrà a Livorno, rigenerato con l'avvento del nuovo allenatore Di Carlo, mentre la Sampdoria riceverà  a Marassi il Cagliari che la tallona con un solo punto di distacco. Non facile la trasferta genoana,  mentre più agevole appare la partita casalinga dei doriani, rinfrancati dal successo del derby. Subito a ridosso del fondo classifica troviamo l'Udinese, che ospita un  Chievo,  per il quale sembra ormai svanito l'effetto Corini,(non vince da cinque partite)  e  che non deve fare altro che conquistare i tre punti per risollevarsi, confermando quanto di buono fatto in coppa Italia dove, nella prima semifinale ha superato la Fiorentina.     

Zona calda                                                                                                                                          

Ormai, anche se a poco più di metà campionato,  pure un solo punto in più o in meno comincia ad assumere la sua importanza e,  in quest'ottica, chi sta peggio è il Catania, ultimo a tre punti dalle quart'ultime Chievo e Bologna, con,  nel mezzo,  Livorno e Sassuolo,  per un totale di cinque squadre in piena zona retrocessione.   E se l'Udinese,  nell'anticipo di sabato, dovesse superare il Chievo, allora il solco sarebbe più marcato e risalire diventerebbe più problematico, almeno a breve. 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]