Lunedì, 26 Maggio 2014 19:10

Mondiali 2014, Italia: Prandelli fino al 2016, continua il toto-convocazioni

Scritto da

ROMA – Mentre da diverse settimane impazza il toto-convocazioni che vedrà l’Italia partire per il Brasile coi 23 giocatori scelti dalla lista dei 31, il commissario tecnico Cesare Prandelli ha rinnovato fino al 2016.

L’accordo con la FIGC è giunto nella giornata odierna: “Scusate per il ritardo con cui mi sono presentato da voi, ma è dovuto alla firma sul contratto. E' ufficiale, ho rinnovato fino al 2016” queste le parole del mister degli azzurri che ha poi aggiunto: “Non voglio entrare nei dettagli del contratto e di ciò che sarà perché stiamo preparando un obiettivo importante, ma questi ultimi due mesi sono stati necessari per formulare un accordo che dimostra la sintonia avuta con la Federazione. I ritardi erano dovuti alla questione dei diritti d'immagine, abbiamo fatto molte iniziative e mi sembrava giusto andare incontro alla Figc valutando insieme tutte le proposte future”. Adesso mister Prandelli potrà pensare solo ed esclusivamente al mondiale e capire chi portare e chi lasciare a casa, dove solo il reparto portieri sembra il più sicuro; sicuro di un posto infatti lo è Buffon, capitano della Juventus e della nazionale, nonché presenza indiscussa di quello che sarà il suo quarto mondiale consecutivo. Il suo secondo sarà Sirigu, fresco vincitore della Ligue 1 col Paris Saint Germain, mentre il terzo sarà Perin, giovane portiere del Genoa che quest’anno ha dimostrato di avere abbastanza personalità tra i pali. L’escluso sarà quindi Mirante del Parma, il quarto chiamato tra i 31, nel caso uno dei 3 partenti dovesse subire un infortunio. Capitolo difensori: gli unici sicurissimi di un posto sembrano essere i tre juventini Barzagli, Bonucci e Chiellini, con quest’ultimo capace di giocare anche come terzino sinistro; è già perché sono proprio i terzini a dare i maggiori grattacapi a Prandelli, per quanto riguarda la difesa: Abate o Maggio, Darmian o Pasqual, De Sciglio o Romulo? I primi due non hanno giocato molto quest’anno (il primo per scelta tecnica il secondo per infortunio) mentre Darmian, Pasqual e Romulo sono autori di una fantastica stagione nei rispettivi club, ma peccano di esperienza internazionale. Tra i difensori il ct azzurro ha chiamato anche Paletta e Ranocchia, il primo autore di una splendida stagione col Parma, mentre il secondo non sempre è stato titolare nell’Inter di Mazzarri; soltanto tre o quattro tra questi otto menzionati andranno in Brasile. Il centrocampo è il reparto con meno dubbi: sicuri di un posto sono Pirlo, De Rossi, Marchisio, Montolivo, Thiago Motta; Candreva, avendo anche doti offensive è in netta ascesa rispetto a Verratti, Aquilani e Parolo, con quest’ultimo che si presume staccherà l’ultimo biglietto rimasto a disposizione del suo reparto. Ed ecco arrivati all’attacco, dove sono a disposizione 5 o 6 posti (dipende dalle scelte che farà Prandelli per quanto riguarda la difesa e il centrocampo, dove per esempio ci sono giocatori come Romulo che possono giocare sia in difesa che a centrocampo o come il sopraccitato Candreva che oltre a giocare come esterno di centrocampo, andrebbe bene anche in attacco). Il mister ne ha chiamati 7: Balotelli, Cassano, Cerci, Destro, Immobile, Insigne e Rossi; il grattacapo principale riguarda Giuseppe Rossi: all’inizio si pensava dovesse essere lui il titolare indiscusso con Balotelli, coppia che si era trovata a meraviglia nelle partite giocate precedentemente all’infortunio occorso al giocatore della Fiorentina. Prandelli aveva sempre detto che lo avrebbe aspettato fino all’ultimo giorno e così è stato: il recupero lampo gli ha consentito di giocare le ultime partite di campionato incrementando anche il suo bottino di gol arrivando a farne 16 in tutto il campionato (fino a gennaio ne aveva fatti 14), ma Prandelli vuole capire se è pronto per una competizione importante come quella che avrà inizio il prossimo 12 giugno. E allora ecco il tormentone dell’ultimo mese: Rossi o Cassano o entrambi? C’è chi dice che se parte uno non partirebbe l’altro, anche se la sensazione è che il ct li convochi entrambi, ma a quel punto chi resterebbe a casa? I sicuri sono Balotelli, Cerci e Immobile con Destro leggermente in vantaggio su Insigne, anche se hanno doti totalmente differenti. A questo punto non ci rimane che aspettare il 2 giugno, termine ultimo per consegnare la lista dei 23.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]