Domenica, 15 Maggio 2016 16:11

Vivicittà in Libano: A Sidone hanno corso insieme 500 bambini palestinesi, siriani e libanesi

Scritto da

BEIRUT- 15 maggio. Sidone questa mattina è stata tutto il mondo, in piedi e a battere le mani per i 500 bambini siriani, palestinesi e libanesi uniti in nome dello sport e della convivenza pacifica. Questa è stata Vivicittà, la corsa podistica messaggera di valori e di sport che l’Uisp organizza da 33 anni.

Uno striscione del traguardo che ha chiuso proprio in Libano la sua edizione 2016, dopo 73 prove podistiche che dal 3 aprile si sono alternate tra città italiane ed estere, comprese quelle all’interno delle carceri. Pace in Medio Oriente e un giorno diverso dagli altri che possa diventare normalità quotidiana: dalle 8 di questa mattina (ore 9 in Italia)sino alle 12 si sono avvicendate le partenze dei bambini divisi per fascie di età all’interno dello stadio Rafik Hariri, sul lungomare di Sidone. Per ragioni di sicurezza si è corsa Vivicittà all’interno dell’impianto e i giovanissimi partecipanti si sono cimentati nei 400 metri e nel doppio giro di pista.

Lei si chiama Kassen Bautl e lui Mohammed Zaidan, vivono entrambi nel campo profughi palestinese di Ein hl velvet elwe. Hanno 12 e 13 anni ed oggi hanno vinto le rispettive prove. All’arrivo si cercavano con gli sguardi e poi sono corsi ad abbracciarsi: stasera torneranno insieme nel campo, con la loro medaglia intorno al collo ed avranno molte cose da raccontare, cose forse nuove: un’avventura di sport, di sorrisi, di normale tranquillità.

Alla fine sono stati 72 quelli premiati con la medaglia ricordo e la felicità ha avuto il sopravvento sulla giornata di caldo e di sudore. “Lo sport fa miracoli – ha detto all’arrivo il sindaco di Sidone, Mohammad El Saudi – nei volti e negli occhi di questi ragazzini si legge la speranza in un futuro diverso, di distensione e convivenza”. All’arrivo anche il rappresentante dell’Agenzia italiana per la cooperazione, Gian Andrea Sandri e quello dell’Unrwa (Agenzia Onu per i rifugiati palestinesi), Matthias Schmale.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]