Venerdì, 01 Luglio 2016 15:44

Euro 2016. Italia-Germania, la sfida infinita

Scritto da

ROMA - La sfida si avvicina e i ricordi del passato affiorano nei pensieri dei protagonisti.

Nelle teste dei tedeschi sono più i fantasmi che aleggiano che le sensazioni positive. L’eterno confronto tra Italia e Germania pende nettamente a favore degli azzurri.

Su tutti, basta ricordare Messico ‘70, la mitica semifinale mondiale Italia-Germania 4-3; Spagna ’82 con la conquista della Coppa del Mondo della squadra di Bearzot vincitrice per 3-1 in finale contro la squadra di Rumenigge e compagni. E ancora nei mondiali del 2006, a Dortmund, l’Italia ha la meglio in semifinale sulla Germania battendola per 2-0 andando a vincere poi la finale contro la Francia ai calci di rigore. Ma anche agli ultimi Europei disputati nel 2012 in Polonia-Ucraina, gli azzurri hanno avuto la meglio contro gli eterni rivali vincendo per 2-1 perdendo però poi la finale contro la Spagna.

Come potremmo, quindi, non essere uno spettro per la Germania? Anche questa volta la corazzata tedesca parte favorita e sulla carta è effettivamente così. Le pesanti assenze tra le fila azzurre sono un dato oggettivo: prima Verratti, Montolivo e Marchisio, poi gli infortuni a campionato in corso di Candreva, De Rossi e la squalifica di Thiago Motta, hanno lasciato un vuoto difficilmente colmabile a centrocampo.

Rimane Sturaro che con ogni probabilità prenderà il posto in mezzo al campo affiancato da Parolo in qualità di regista. Ai lati agiranno Florenzi e Giaccherini, leggeri ma veloci ed efficaci, due autentiche zanzare speriamo molto fastidiose. Ci si difenderà in 9 o 10 e si attaccherà con 7/8 giocatori.

Servirà tantissima corsa e dedizione al sacrificio, elementi che fin qui hanno ben descritto l’Italia di Conte. L’impresa non è certo facile questa volta ma l’Islanda insegna: nel calcio niente è scontato. 

Paolo Natale

Giornalista pubblicista

Collaboratore per Book Moda Magazine

Collaboratore per Top Time Magazine

Dottore in Scienze della Comunicazione

www.dazebaonews.it

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]