Venerdì, 30 Giugno 2017 11:53

Carnera: idolo di un'Italia ingenua

Scritto da

Era un figlio della fame e della guerra, di tempi in cui un povero cristo nelle sue condizioni familiari faceva fatica persino a mettere insieme il pranzo con la cena. Aveva unicamente la forza a sua disposizione, una stazza fisica imponente e dei colpi devastanti che ne fecero prima un'attrattiva da circo e poi un dominatore del ring sulle due sponde dell'Atlantico.  

Primo Carnera fu l'idolo di un'Italia ingenua e convintamente fascista, un'icona involontaria del regime, un esempio di virilità e virtù italiche da esibire per fini propagandistici e un fuoriclasse sfruttato da tutti, a cominciare dai manager, approfittando della sua bonaria ingenuità e del suo essere, sostanzialmente, un mero animale da combattimento, senza la dimensione epica che trent'anni dopo avrebbe avuto, ad esempio, Muhammad Ali.

Visse a lungo negli Stati Uniti, negli anni del proibizionismo e della mafia italo-americana che la faceva da padrona, vinse molto e perse quando ormai non ce la faceva più e nuovi miti si stavano affacciando sulla scena. Finì nel catch, ingloriosamente, riducendosi ad essere nuovamente una sorta di attrattiva da circo, prima che la cirrosi epatica lo divorasse, ponendo fine alla sua vita a soli sessant'anni, il 29 giugno 1967.

Per morire, dopo un lungo pellegrinaggio e una fama ormai giunta all'apice, sia in Italia che all'estero, scelse di tornare a Sequals, nel suo Friuli, là dove era iniziata la sua avventura, in quella terra aspra e selvaggia che aveva forgiato il suo carattere e dato vigore alla sua esplosiva prestanza atletica. 

Cinquant'anni dopo ci resta la memoria, il fascino, la grandezza e il tormento di un bambinone mai davvero cresciuto, di cui molti si servirono a piacimento e che solo dopo la morte si è visto riconoscere fino in fondo il proprio talento e le proprie qualità umane.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]