Sabato, 22 Luglio 2017 09:58

La Roma: core de 'sta città

Scritto da

E son novanta, cara Roma, "core" e anima di una città che, da alcuni anni, sta attraversando uno dei momenti peggiori della sua storia millenaria.  Novant'anni di Roma calcistica, novant'anni di campioni e di emozioni, novant'anni di un tifo caldo, passionale, unico, innamorato di un sogno e di un'idea più che di una prospettiva concreta, in quanto le vittorie della squadra giallorossa sono sempre state sporadiche e quasi mai hanno varcato i confini nazionali.  

Eppure, che fosse la Rometta i cui tifosi facevano la questua al Sistina per non vendere De Sisti alla Fiorentina o che fosse la Roma di Viola e di Sensi, cioè l'unica in grado di scalare quella vetta spesso insormontabile chiamata scudetto, qualunque Roma fosse, il suo popolo era lì, a sostenerla e ad abbracciarla, a riconoscersi in lei e a sentirsi parte di una vicenda che va ben al di là del singolo aspetto sportivo. 

La Roma, infatti, anche per chi non ne è tifoso, costituisce un'educazione sentimentale alla vita, un inno al dolore e alla sofferenza, una sorta di matrimonio in cui non esiste interesse né, spesso, ritorno ma unicamente un amore folle puro, incondizionato. 

La Roma è Totti, l'ultima grande bandiera del calcio italiano, il quale ha rifiutato contratti faraonici e prospettive di gloria, personale e collettiva, pur di regalare a se stesso adulto il sogno di quand'era bambino. La Roma contiene in sé un tasso di infantilismo e di poesia, di meraviglia e di spirito di sacrificio, un masochismo ai limiti della perversione e il senso di una sfida da rivolgere innanzitutto alla propria anima, prim'ancora che al resto del mondo e a quelle corazzate del Nord il più delle volte inarrivabili. 

La Roma è il barone Liedholm e il taraccagnotto Bruno Conti, è Giannini e De Rossi, è la sfortuna e il dramma di Giuliano Taccola e l'infinito cuore del brasiliano Aldair; la Roma è una curva dai tratti popolareschi, proletari, testaccini, umorale come poche altre, capace di ferocia e attaccamento totale, di eccessi d'ogni sorta, di un seguito quasi morboso e di una magia che ha pochi eguali in Italia e nel mondo. 

La Roma è una buona misura della fragilità umana, del nostro senso di sconfitta, di inadeguatezza e di paura; è un inno ad andare al di là dei propri limiti e, spesso, un'amara constatazione del fatto che, alla fine, vincono loro. 

La Roma compie novant'anni e merita stima e rispetto, specie alla luce di una stagione che si preannuncia comunque importante, specie se si pensa che se n'è finalmente andato il diversamente simpatico Spalletti ed è arrivato in panchina uno dei figli prediletti della squadra e della città, Eusebio Di Francesco, con Totti che ha annunciato di essere pronto ad intraprendere la carriera dirigenziale e una campagna acquisti intelligente e mirata, senza colpi ad effetto ma senza neanche risparmiarsi o rinunciare a rinforzare la rosa.

Per questo io, juventino di cuore, abituato a vincere e a stare in vetta, a sognare la Champions e a dominare in lungo e in largo in Patria, provo da sempre simpatia verso questa realtà che affascina gran parte della mia famiglia e che, in fondo, suscita anche in me un magnifico sentimento di tenerezza, essendo l'emblema di una passione genuina per un quasi nulla oltre i confini del tempo, ossia per un praticamente tutto che è forse l'ultima ideologia totalizzante, dunque pervicacemente, convintamente anacronistica, che ci è rimasta.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077