Lunedì, 11 Settembre 2017 17:05

La Vuelta di Froome, Nibali e Contador

Scritto da

Non c'è ne voglia il pur bravo Ilnur Zukarin, ciclista russo della Katusha giunto meritatamente terzo nella classifica generale, se nel commentare la settantaduesima edizione della Vuelta di Spagna conclusasi ieri a Madrid, tralasceremo la sua persona.

Non perché abbiamo qualcosa contro di lui, sia chiaro, ma perché riteniamo che sia stato, nonostante tutto, un personaggio secondario in una competizione che ha visto, invece, il trionfo cannibalesco di Chris Froome, con uno stile e una grinta degna del miglior Eddie Merckx, il secondo posto ai limiti dell'epica del nostro Vincenzo Nibali e l'addio alle corse in bicicletta dell'idolo di casa Alberto Contador: uno che, come sostiene giustamente Nibali, sarà tutt'altro che facile sostituire. 

Ricorderemo questa Vuelta, poi, per alcune indicazioni che ci ha fornito in vista della prossima stagione: il talento puro di Nibali, per l'appunto, la conferma dell'inglese Froome, ormai assurto nell'Olimpo dei fuoriclasse e tentato dall'idea di lanciarsi all'inseguimento del proprio quinto Tour de France, l'ascesa di nuovi campioni come il giovane Matteo Trentin, battuto nella classifica a punti solo dall'inarrivabile Froome e con uno scarto minimo, e infine la compattezza del team Bahrain-Merida (di cui fa parte anche Antonio Nibali, fratello di Vincenzo al suo primo grande giro) che, di sicuro, il prossimo anno costituirà il punto di forza dello "Squalo dello Stretto". Con una squadra costruita a sua immagine e somiglianza, infatti, non c'è dubbio che Nibali aspiri a prendersi importanti rivincite, concludendo al meglio la stagione che ormai volge al termine e preparandosi a vivere la prossima da assoluto protagonista. 

Una Vuelta emozionante, dunque, aspra, intensa e combattuta sino alla fine, a dimostrazione del suo valore e della sua importanza storica che si rinnova nel tempo, acquisendo, di anno in anno, nuova meraviglia.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

La Magia del Coaching e l’Expecto Patronum!

Facendo seguito ad una serie di considerazioni lette sulle riviste, fatte da alcuni personaggi del mondo dello spettacolo, indicative di tanta confusione sul contesto del coaching, colgo questa occasione come...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Alda Merini. La straordinaria avventura del Bacchelli, un vitalizio meritato

 Alda Merini si è spenta, a settantotto anni, il primo novembre 2009. Ha avuto funerali di Stato con camera ardente in Duomo. La sua tomba è nel cimitero monumentale di...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077